Sacrari "abbandonati", Donazzan: "Dopo le celebrazioni del centenario solo promesse"

L'assessore regionale, reduce dal tradizionale pellegrinaggio, ha sottolineato come non siano ancora iniziati i lavori di ristrutturazione dei monumenti: "Ritardo imperdonabile"

Il sacrario sul monte Pasubio

Pellegrinaggio solenne, al monte Pasubio; cerimonia riuscita nonstante le limitazioni anti-Covid alla presenza della famiglia friulana di Emilio De Linz, che dopo 100 anni ha ritrovato il nonno, sepolto nell'ossario, del sindaco di Valli, Carlo Bettanin, del presidente sezionale Ana, del presidente del Consiglio regionale Roberto Ciambetti, e dell'assessore regionale Elena Donazzan.

Una cerimonia che ha portato l'assessore regionale all’Istruzione e Formazione del Veneto ad una riflessione: “È inaccettabile che, passate le celebrazioni per il centenario della Grande Guerra, non siano ancora iniziati i lavori di ristrutturazione dei sacrari militari gestiti, o meglio non gestiti, dalla Struttura di missione per gli anniversari di interesse nazionale istituita presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Ricordo quando, con la legge di bilancio approvata nel 2014 la Regione del Veneto trasferì ingenti risorse a questa struttura in vista del centenario: se avessimo saputo come sarebbe andata a finire, probabilmente avremmo appaltato noi stessi i lavori, eseguendoli nei modi e nei tempi più consoni ad onorare un anniversario importante”.

“Un ritardo imperdonabile – continua l’assessore - che impone una seria riflessione sul futuro dei nostri sacrari: credo sia giunto il momento di chiedere la restituzione di quanto stanziato nel 2014 dal Veneto alla Struttura di missione per gli Anniversari di interesse nazionale presso la presidenza del Consiglio dei Ministri. Bisognerà inoltre prevedere un percorso rapido e snello per la continuazione e l’ultimazione dei lavori, magari individuando un commissario ad acta, pratica molto comune per l’attuale governo. Un commissario potrà certamente contare sull’aiuto delle associazioni combattentistiche e d’arma che amano veramente i nostri sacrari, come gli Alpini, i Fanti e i Carabinieri, che il sabato e la domenica si sostituiscono spesso, da volontari, ai pochi militari rimasti ad operare nei sacrari”.

“Sul Monte Pasubio – conclude l’assessore regionale - opera la Fondazione 3 novembre 1918, che ha raccolto fondi e donazioni anche da privati, con la partecipazione di 4 comuni che continuano a stanziare risorse: questo sistema virtuoso di collaborazione pubblico-privato ha permesso di ristrutturare il sacrario e le opere pittoriche, di creare un museo di ultima generazione, nonché di assumere un custode. Questo è un modello positivo di gestione, che funziona, da prendere in considerazione anche per altre analoghe situazioni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fuga dopo la rapina, l'auto si schianta: muore una donna

  • Uomini e donne, un vicentino alla corte di Gemma: tra baci "umidi" e "massaggi"

  • Stanno cambiando le frequenze televisive: scopri se la tua TV è da rottamare

  • Schianto nella notte, l'auto si cappotta più volte: muore un 21enne

  • Alto Vicentino nella morsa del maltempo: grandine e raffiche di vento

  • Strano ma vero: rapporto troppo focoso, trentenne si frattura il pene

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento