menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovo Dpcm, le misure slittano a venerdì, Veneto in area gialla

Firmato e pubblicato in Gazzetta il decreto del presidente del consiglio. Nella conferenza stampa delle 20:30 il premier ha reso noto la zonizzazione delle regioni nelle tre aree (gialla, arancione, rossa)

Nella conferenza stampa che ha tenuto alle ore 20:20 di mercoledì Giuseppe Conte ha chiarito i contenuti del Dpcm pubblicato oggi sulla Gazzetta Ufficiale, dalle nuove limitazioni previste fino alle nuove zone rosse, arancioni e gialle previste da Cts e Governo. «Non ci sono territori che possono sottrarsi alle misure - ha detto Conte - La pandemia corre e quindi non ci sarà alcuna zona verde». Nel corso della conferenza, il premier ha anche confermato che, per ora, il Veneto rimane in fascia gialla che prevede il coprifuoco alle ore 22 e mantiene aperti fino alle 18 bar e ristoranti. I provvedimenti entreranno in vigore a partire da venerdì 6 novembre e saranno validi fino a giovedì 3 dicembre.

Le suddivisione per zone delle regioni

Zone in area gialla: Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Sardegna, Toscana, Umbria, Veneto e province autonome di Trento e Bolzano. In queste zone sarà vietato circolare dalle 22 alle 5 del mattino. 

Zone in area arancione: Puglia e Sicilia, spostamenti vietati in entrata e uscita e anche da un comune all'altro. Chiusi bar e ristoranti 7 giorni su 7.

Zone in area rossa: Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle d'Aosta, vietato ogni spostamento in qualsiasi orario.

Nuovo Dpcm: le disposizioni

Nuovo Dpcm firmato nella notte da Giuseppe Conte e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. Entrerà in vigore da venerdì 6 novembre e non più da giovedì, e durerà fino al 3 dicembre.  "Tutte le nuove norme previste dall'ultimo dpcm - quelle riservate  alle aree gialle, arancioni e rosse - saranno in vigore a partire da venerdì 6 novembre. Lo ha deciso il governo per consentire a tutti di disporre del tempo utile per organizzare le proprie attività", conferma Palazzo Chigi.

L'italia, secondo il decreto varato dal presidente del consiglio, si dividerà in tre parti: zona rossa, zona arancione e zona gialla. Insieme all'Rt, sono 21 i parametri con cui verranno definite le varie zone. In zona "rossa" si ritorna in pratica al lockdown di marzo. In quella "arancione" non si può uscire dal proprio comune e bar e ristoranti dovranno tenere le serrande abbassate. 

Scarica il nuovo Dpcm

Zona gialla: Le nuove misure a livello nazionale

Il Dpcm stabilisce all'Art. 1 una serie di nuove norme valide per tutta l'Italia, fatte salve le ulteriori restrizioni in vigore per quelle Regioni che finiranno o in fascia 2 (zona arancione) o in fascia 3 (zona rossa). Tra queste nuove norme che sicuramente si dovranno applicare in Veneto (salvo ulteriori restrizioni) ricordiamo:

  • Coprifuoco alle ore 22: «Dalle ore 22 alle ore 5 sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute»

  • Chiusura di musei e mostre.
  • Chiusura nel weekend dei centri commerciali.
  • Stop ai punti scommessa ovunque essi siano.
  • Riduzione della capacità dei mezzi di trasporto al 50%.
  • Didattica a distanza per tutte le classi delle scuole superiori. Per le classi che potranno continuare a fare didattica in presenza è previsto l'«uso obbligatorio di dispostivi di protezione delle vie respiratorie salvo che per i bambini di età inferiore ai sei anni e per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l'uso della mascherina».

Le restrizioni per la fascia 2 (zona arancione)

All'Art 1 bis il Dpcm identifica le restrizioni ulteriori previste per quei territori (Regioni o parti di esse) che saranno inserite nella fascia 2, giornalisticamente ribattezzata "zona arancione". In questo caso, tecnicamente, si parla di territori con uno «scenario di elevata gravità» (corrispondente allo scenario di "tipo 3" nella suddivisione in quattro livelli operata dall'Istituto Superiore di Sanità). Le principali restrizioni che si applicano alle Regioni o parti di esse che verranno inserite nella fascia 2, o "zona arancione", dove forse rientrerà il Veneto sono le seguenti:

  • «È vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori di cui al comma 1, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. Sono comunque consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza nei limiti n cui la stessa è consentita. È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza».
  • Il Dpcm vieta all'interno delle Regioni o loro parti che saranno inserite in fascia 2 anche gli spostamenti tra Comuni diversi tra loro, salvo adeguata motivazione: «È vietato ogni spostamento con mezzi di trasporto pubblici o privati, in un Comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili in tale Comune».
  • Per i territori inseriti in fascia 2 è prevista la sospensione del servizio di ristorazione: bar e ristoranti potranno fare solo il servizio d'asporto o domicilio dalle ore 5 fino alle ore 22 (quando scatterà il coprifuoco).

Le restrizioni per la fascia 3 (zona rossa)

All'Art 1 ter del nuovo Dpcm vengono indicate le ulteriori restrizioni previste per quelle Regioni o parti di esse che saranno assegnate alla fascia 3, giornalisticamente parlando le cosiddette "zone rosse". Il Veneto è certo non rientrerà in questa situazione almeno in prima battuta (e si spera mai). In questo caso si parla nel Dpcm di «scenario di massima gravità» (corrispondente allo scenario di "tipo 4" nella suddivisione in quattro livelli operata dall'Istituto Superiore di Sanità). Le principali restrizioni che si applicano alle Regioni o parti di esse che verranno inserite nella fascia 3, o "zona rossa", sono le seguenti:

  • Gli spostamenti saranno vietati, salvo quelli «motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute», non solo in entrata e in uscita dai territori in fascia 3 o "zona rossa", ma anche all'interno di quegli stessi territori. Cioè vuol dire che si potrà uscire di casa solo per gli spostamenti motivati, di fatto un ritorno al lockdown conosciuto a marzo ed aprile.
  • Il Dpcm per le Regioni o parti di esse inserite in "zona rossa" prevede la sospensione delle «attività commerciali al dettaglio», salvo quelle ritenute essenziali. Chiudono dunque anche i negozi.
  • È prevista la sospensione dei mercati, salvo quelli con banchi di generi alimentari.
  • È sospesa l'attività di ristorazione, quindi bar, ristoranti, pasticcerie, gelaterie etc. che potranno fare solo servizio a domicilio o d'asporto dalle ore 5 alle ore 22.
  • Nei territori in "zona rossa" la Didattica a distanza riguarderà tutte le classi dalla seconda media fino alle superiori. In presenza la didattica potrà essere svolta solo nella scuola dell'infanzia ed in prima media, sempre con mascherina indossata tranne che per i bambini con meno di sei anni o nel caso di incompatibilità all'uso.
  • Nelle Regioni o loro parti inserite nella fascia 3 resterà comunque consentita l'attività motoria, cioè la passeggiata, «in prossimità della propria abitazione» sempre indossando la mascherina e nel rispetto della distanza di un metro almeno dagli altri. Prevista anche la possibilità di svolgere «attività sportiva in forma individuale».
  • Rispetto alla bozza circolata ieri, anche in "zona rossa" potranno restare aperti barbieri e parrucchieri, ma il Dpcm prevede comunque la sospensione dei «servizi alla persona».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

La pasta in bianco fa ingrassare? Scopri la verità

Sicurezza

Come sanificare il divano e farlo tornare nuovo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Yale Stock Trading Game, un bassanese sul podio

  • social

    Primo assaggio di primavera e primi bagnanti al Livelon

Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento