menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Addio a Paolo Marzotto, imprenditore e mecenate

Quinto dei sette figli di Gaetano Junior, si è spento nella sua casa a Monte Berico

«Ho appena appreso con vero dolore che è morto quel gran gentiluomo e mecenate che è stato mio zio». È il messaggio di addio di Umberto, nipote di Paolo Marzotto, allo zio scomparso lunedì sera nella sua casa di Monte Berico a Vicenza. Con lui scompare un'altro tassello della dinastia imprenditoriale di Valdagno.

Quinto dei sette figli di Gaetano Marzotto junior, Paolo avrebbe compiuto 90 anni a settembre. Marzotto, oltre che come imprenditore e discendente di una delle più importante famiglie dell'industria vicentina, era conosciuto per le sue passioni quali motori, vino e arte. Sopratutto in questo ultimo campo si era contraddistinto per le molte iniziative, per esempio quelle a favore della salvaguardia del patrimonio artistico e architettonico italiano. Con la sua prima moglie, Florence Daniel - scomparsa nel 2012 - donò un milione di euro a Progetto Musica e al Complesso strumentale Marzotto Città di Valdagno, per le giovani musiciste.

L'ultima sua apparizione in pubblico avvenne un mese fa per la raccolta fondi a favore della sanità e contro la pandemia da Coronavirus con l'adesione alla campagna #pensACI” lanciata dall’Automobil club Italia. Marzotto se n'è andato assistito dalla seconda moglie Carolina e dalle due figlie Dominique e Veronica, quest'ultima presidente della Fondazione Marzotto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, i piani per un nuovo lockdown nazionale

social

Tutti pazzi per il Poke, il piatto più amato dai vicentini

Attualità

Nuovo Dpcm nel week end e il rischio lockdown

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento