rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Attualità

Indimenticabile Monica Vitti, quando venne a Vicenza

Icona della commedia all'italiana, il suo sorriso meraviglioso rimarrà nel cuore, il video in piazza dei Signori

Indimenticabili il suo sorriso, il taglio degli occhi, la voce particolare, che continueranno a vivere nel cuore di milioni di italiani. Una battaglia contro la malattia che durava da molto quella di Monica Vitti, che ci ha lasciato stanotte a novanta anni.

"Addio Monica Vitti, addio regina del cinema italiano. Oggi è un giorno davvero triste, abbiamo perso un grande artista", ha detto il ministro della Cultura Dario Franceschini. Il suo talento smisurato veniva celebrato nelle rassegne e nelle le mostre cinematografiche di tutto il mondo. 

Monica Vitti a Vicenza

Debuttò nella parte di Ofelia all’Olimpico di Vicenza nel 1956, si rappresentava l’Amleto, regista Enzo Ferrieri, aiuto regista era Cino Tortorella, il famoso mago Zurlì. Nel 1971 torna nella nostra città per girare con Gigi Proietti alcune scene del film “Gli ordini sono ordini”. Nel video vediamo due minuti fimati in piazza dei Signori. Nelle pause della lavorazione Monica Vitti è andata a visitare la cantina di Firmino Miotti a Breganze, assieme allo scrittore vicentino Virgilio Scapin. Nelle sequenze iniziali tra la folla in piazza è riconoscibile la Vitti. (fonte video: Biblioteche Vicentine).

La sua carriera

Nata a Roma il 3 novembre 1931, Vitti - il cui vero nome era Maria Luisa Ceciarelli - scoprì la sua passione per il teatro durante la seconda guerra mondiale, quando intrattenne la sua famiglia con i burattini.

"Quando cadevano le bombe, quando dovevamo rifugiarci nei rifugi, io e il mio fratellino improvvisavamo piccole commedie.

Dopo essersi diplomata all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica di Roma 1953, ha iniziato la sua carriera in teatro, dove si è distinta per il talento comico. Fu notata da Antonioni, con il quale sviluppò subito un rapporto artistico e sentimentale.

"Ho avuto la fortuna di iniziare la mia carriera con un uomo di grande talento", ma che era anche "spirituale, pieno di vita ed entusiasmo", ha detto Vitti in un'intervista alla televisione italiana nel 1982.

Unica in una folla di mattatori maschi, copre ogni tipologia femminile. Donna borghese, nevrotica, dolente per Antonioni, popolana vitale con Alberto Sordi. Nella seconda metà degli anni '60, archiviato il cinema di Antonioni e lo stesso regista da cui si era separata, Monica Vitti passò al genere della commedia che aveva ben frequentato a teatro. Con Mario Monicelli (La ragazza con la pistola, 1968) potè esprimere a pieno la sua vocazione comica. Accanto ad Alberto Sordi (in Amore mio aiutami) cominciò un sodalizio che li porterà al grande successo di Polvere di stelle del 1973. In mezzo ci sono le collaborazioni con i nostri più grandi registi: Ettore Scola (Dramma della gelosia accanto a Giannini e Mastroianni), Dino Risi (Noi donne siamo fatte così), Luciano Salce (L'anatra all'arancia), Nanni Loy, Luigi Comencini.

La malattia dell'attrice 

La Vitti aveva lasciato il cinema a causa di una malattia degenerativa simile all'Alzheimer con cui combatteva da 20 anni, protetta dall'amore del marito Roberto Russo, il fotografo sposato in segreto nel 2000. Al suo fianco da sempre e fino all'ultimo, ha affidato la notizia della morte a Walter Veltroni, senza comunicarlo in prima persona. Si era ritirata dalle scene per un disturbo che giorno dopo giorno le cancellava i ricordi dalla mente. Ricordi di una carriera strepitosa, prestigiosa, unica, quellla della più grande attrice della commedia all'italiana. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Indimenticabile Monica Vitti, quando venne a Vicenza

VicenzaToday è in caricamento