Mobilità internazionale e disabilità: impresa sociale vicentina capofila in Ue

Il risultato atteso è la produzione di una serie di materiali a supporto delle scuole di tutta Europa, ma anche dei partner stessi, sui modelli organizzativi più efficaci da offrire agli studenti che presentano bisogni speciali

L’Unione Europea ha approvato il progetto KA2 che vede l’impresa sociale vicentina capofila di una rete composta da 8 partner di 7 Paesi, con l’obiettivo di condividere le best practices sul tema

Fortes, impresa sociale coordina un partenariato strategico sulla mobilità internazionale come opportunità per tutti, anche per gli studenti con qualche forma di disabilità. Un progetto approvato dall’Unione Europea, con durata di due anni, che vede partecipare in qualità di partner altri 7 enti di formazione transnazionali provenienti da altrettanti Paesi europei: oltre all’Italia, Bulgaria, Francia, Irlanda, Polonia, Repubblica Ceca e Spagna.

«L’obiettivo - spiega Andrea Cecchin, co-fondatore di FORTES Impresa Sociale - è sviluppare nuove metodologie e scambiare le best practices dei vari partner su un tema di grande rilevanza in termini di etica e inclusione sociale». 

Più concretamente, il progetto KA2 - questa la sua denominazione ufficiale - prevede l’organizzazione nell’arco dei prossimi 48 mesi di diversi incontri tra i partner, accanto all’organizzazione di alcune mobilità di staff con l’obiettivo di studiare e comprendere meglio le esperienze e le metodologie sviluppate dai singoli membri. 

Il risultato atteso è la produzione di una serie di materiali a supporto delle scuole di tutta Europa, ma anche dei partner stessi, sui modelli organizzativi più efficaci per offrire agli studenti che presentano bisogni speciali un’esperienza di mobilità internazionale in grado di valorizzare al massimo l’autonomia e le potenzialità di ognuno. 

A livello locale, inoltre, il progetto prevede un’attività di sensibilizzazione e coinvolgimento delle imprese e degli enti attivi nei diversi territori di riferimento dei partner di progetto, con l’obiettivo di individuare una serie di realtà disponibili e preparate ad accogliere studenti disabili. Il tutto con il coinvolgimento, sempre a livello locale, anche delle realtà pubbliche e private chiamate se necessario a garantire un adeguato supporto sanitario, psicologico e di integrazione.

«Ogni anno mandiamo all’estero e accogliamo diversi studenti portatori di bisogni speciali o svantaggiati - racconta Andrea Cecchin, co-fondatore di FORTES -. Proprio la nostra esperienza dimostra che la diversità non è necessariamente un impedimento, anzi può essere vista come una ragione in più per vivere un’esperienza di questo tipo». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Vicenza usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dove gustare il miglior gelato: le top gelaterie di Vicenza e provincia

  • Al Palladio aprirà un cinema: il video della nuova sala super lusso

  • A Vicenza la pizza d'oro più costosa d'Italia

  • Anziano pestato in periferia, l'ira di Presidio Vicenza

  • Vasto incendio alla ditta di stoccaggio rifiuti: è il secondo in pochi mesi / VD

  • Breganze, la Polizia locale trova il nascondiglio delle mountain bike rubate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento