Attualità

Maturità 2024: Pirandello, l'uso dell'atomica, Ungaretti. Le tracce della prima prova

Sono 526.317 i maturandi sotto esame in tutta Italia

È il giorno del tema per oltre mezzo milione di studenti delle scuole superiori. Gli studenti potranno scegliere tra sette tracce uguali per tutti, selezionate dal ministero e suddivise in tre tipologie: analisi di un testo di prosa o poesia, analisi e produzione di un testo argomentativo e riflessione critica su tematiche di attualità. Come riporta Today le tracce designate sono: Ungaretti con 'Pellegrinaggio', che fa parte della raccolta l'Allegria, è la poesia tra le tracce proposte ai maturandi, per l'analisi del testo. C'è anche Pirandello tra gli autori proposti, un passaggio del romanzo 'Quaderni di Serafino Gubbio operatore'. E poi Rita Levi Montalcini con l'Elogio dell'imperfezione. Un brano dello storico Giuseppe Galasso 'Storia d'Europa', invita i maturandi a riflessioni sull'uso dell'atomica. Tra gli altri spunti 'Riscoprire il silenzio' della giornalista Nicoletta Polla Mattiot.

Sono 526.317 i maturandi sotto esame in tutta Italia: 266.057 nei licei, 172.504 negli istituti tecnici e 87.756 nei professionali. Il 94.4% degli studenti dell'ultimo anno delle superiori sono stati ammessi all'esame di Stato. Le commissioni sono in tutto 14.072, per un totale di 28.038 classi.

L'augurio del governatore Zaia

“La vita è uno scorrere continuo, che presenta, salite, discese, curve impegnative, rettilinei da percorrere a manetta, ma in questo scorrere ci sono dei punti di arrivo e partenza che lasciano il segno, indicano la direzione. La maturità è uno di questi. - ha dichiarato il governatore Zaia - È importante per capire dove si è arrivati e per determinare dove si vorrà andare dopo. Per questo è un momento che io non ho dimenticato e, come me, credo la stragrande maggioranza di chi oggi assiste da fuori alla sfida di un figlio, o un nipote, pronto alla più classica delle domande: com’è andata?”.

“Andrà bene, mi sento di dirlo – ha aggiunto il governatore – perché i nostri ragazzi hanno dimostrato maturità già in mille occasioni, come con il Covid quando, in quel durissimo periodo, furono esempio di forza, resilienza e senso civico. Sono giovani preparati, volonterosi, aperti alle novità del mondo, alle tecnologie, a un futuro che ci viene incontro sempre più velocemente. Sono il nostro futuro, e lo sapranno dimostrare anche di fronte a quella che è forse la prima grande prova della vita. E non importa se sfuggirà una data o un concetto perché – conclude il Presidente del Veneto – come ha detto bene il Ministro Valditara, quello che conterà è l’elasticità di riflessione, non il nozionismo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maturità 2024: Pirandello, l'uso dell'atomica, Ungaretti. Le tracce della prima prova
VicenzaToday è in caricamento