Mascherine made in Veneto: smistamento nei magazzini provinciali, lunedì la distribuzione

La procedura prevede che la Protezione civile le ritiri dal deposito della Regione, le smisti e le distribuisca agli Ato da dove ogni protezione civile comunale si approvvigiona. Ogni sindaco, poi, è chiamato alla distribuzione tra i propri cittadini, secondo le linee guida della Regione Veneto

Le mascherine sono in distribuzione. Tra sabato e domenica sono state rifornite le case di riposo del territorio vicentino, stasera partiranno i pacchi destinati ai dipendenti comunali e domani in giornata arriveranno ai Comuni anche quelle per i cittadini. I volontari sono al lavoro a pieno ritmo, tra la sala operativa e il magazzino si alternano 35-40 persone al giorno per garantire sia le operazioni di smistamento delle mascherine che il coordinamento delle attività nel territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In totale le mascherine  ono quasi 400.000 (384.500 per la precisione). Sono di due tipi: quelle che arrivano dalla Regione Veneto, realizzate e donate da Grafica Veneta, sono destinate ai cittadini, per ora ne sono arrivate 233.400 ma gli arrivi sono quotidiani e si andrà avanti per qualche giorno. Dalla Protezione Civile nazionale sono invece arrivate quelle per le case di riposo, 120.000, e i dipendenti comunali, 31.100.

La procedura prevede che la Protezione Civile provinciale di Vicenza ritiri le mascherine dal deposito della Regione, le smisti nei propri magazzini e le distribuisca agli Ato (10 nel territorio vicentino) da dove ogni protezione civile comunale si approvvigiona. Ogni Sindaco, poi, è chiamato alla distribuzione tra i propri cittadini, secondo le linee guida della Regione Veneto.

Nel frattempo, racconta Chiara Garbin che coordina i volontari, c'è anche da rispondere alle 350/400 telefonate che arrivano ogni giorno al numero di telefono attivo per informazioni (348 3710130 ) “e alle 120-130 telefonate che ricevo al mio telefono personale!”. Sono cittadini che vogliono sapere quando arrivano le mascherine,  chiedono chiarimenti in merito ai decreti e alle ordinanze, cercano aiuto per superare una difficoltà  o, spesso, cercano solo una parola di conforto . Sono anche aziende che cercano conferma su comportamenti che siano in linea con la normativa, in particolare per la sicurezza del personale nei luoghi di lavoro. Sono squadre di protezione civile che si mettono a disposizione, e trovano sempre un'attività in cui impegnarsi. Sono, per finire, amministratori comunali che chiedono rinforzi alla propria squadra di protezione civile o chiedono supporto nella gestione di emergenze e nel controllo del territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fuga dopo la rapina, l'auto si schianta: muore una donna

  • Uomini e donne, un vicentino alla corte di Gemma: tra baci "umidi" e "massaggi"

  • Schianto nella notte, l'auto si cappotta più volte: muore un 21enne

  • Alto Vicentino nella morsa del maltempo: grandine e raffiche di vento

  • Uomini e donne, vicentino protagonista del Trono over trova l’anima gemella

  • Dramma della disperazione per una mamma: il figlio 15enne la salva da un gesto estremo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento