menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ingresso del tribunale martedì mattina

L'ingresso del tribunale martedì mattina

Neve in città, strade e marciapiedi ghiacciati. Il Comune rassicura e va di ordinanza: «I cittadini sono invitati a spalare»

Rischio scivolate a Vicenza: molte le segnalazioni dei cittadini. L'affondo dell'opposizione e il comunicato dell'amministrazione: «Vie principali percorribili»

«È una vera vergogna che ci siano marciapiedi con il ghiaccio. Dove si rischia di rompersi una gamba come minino. E soprattutto le scalette della passerella che collega il quartiere dei ferrovieri con Corso S. Felice. Non ho potuto fare foto perché mi dovevo tenere. Per salire e scendere non bastano i ramponi»

È solo una delle tante segnalazioni arrivate alla nostra redazione il giorno dopo la copiosa nevicata che lunedì ha avvolto il Vicentino Una nevicata che non  è durata moltissimo: la neve ha lasciato spazio alla pioggia in città, ma non si è sciolta del tutto. A complicare le cose anche le gelate notturne. E così Vicenza oggi si è svegliata in zona arancione ma con un traffico "normale" di auto e persone. Normale come flusso ma non come viabilità. Parcheggi ricoperti di neve, strade e marciapiedi gelati a rischio scivolata o caduta. A causa della presenza di cumuli nevosi sui rami del giardino di Villa Tacchi, che potrebbero cadere a terra, l'area verde è rimasta chiusa. Resta consentito solo l'ingresso alla Biblioteca e agli uffici. Rimangono chiusi anche i parchi storici recintati di Parco Querini e Giardino Salvi oltre che il Parco di Villa Guiccioli dove sono in corso verifiche e rimozione dei rami caduti.

Molte le proteste dei cittadini e mentre dai banchi dell'opposizione si levano gli scudi contro l'operato dell'amministrazione, il Comune precisa con una nota che la viabilità principale è ora "percorribile regolarmente, mentre Amcps si sta occupando di interventi nelle vie secondarie" e nel tardo pomeriggio emette un'ordinanza: "per la salvaguardia dell’incolumità dei pedoni e per garantire la sicurezza di chi percorre le strade".

L'opposizione: «L'assessore si dimetta»

I consiglieri dell'opposizione lanciano l'affondo, chiedendo le dimissioni dell'assessore: «L’assessore Ierardi lo vada a spiegare ai cittadini che è tutta questione di chimica e fisica! Siamo certi saranno tutti interessati alla sua lezioncina, tanto chi si è trovato bloccato in auto in code interminabili, quanto chi non è riuscito a uscire di casa per l’impraticabilità dei marciapiedi. Se questa amministrazione non è in grado di risolvere i problemi e di affrontare le emergenze, né di assumersi alcun tipo di responsabilità, forse è meglio che rassegni mestamente le dimissioni».

In particolare il dito è puntato contro i ritardi nella pulizia delle strade: «I cittadini sono infuriati per quanto accaduto! Tutti hanno potuto vedere l’assenza dei mezzi per la pulizia nelle arterie principali e nei nodi critici come sottopassi e cavalcavia, spesso bloccati da mezzi intraversati. Tutti oggi possono constatare la mancanza di pulizia dei marciapiedi e l’impossibilità di accedere a molti spazi pubblici. I cittadini si chiedono, giustamente, come non si sia potuta fronteggiare una nevicata da giorni ampiamente prevista anche nella sua intensità. A tutti loro l’assessore deve dare spiegazioni, è finito il tempo delle giustificazioni e dello “scaricabarile».

Il bollettino del Comune 

«Durante la notte Amcps, come previsto dal piano neve, ha proseguito l’attività di sgombero della neve e salatura delle strade per evitare possibili gelate. La nevicata, cessata ieri mattina, si è successivamente tramutata in pioggia che sta ancora scendendo in città. La temperatura dovrebbe scendere, ma non eccessivamente, con valori minimi intorno allo zero, con maggiori probabilità di raggiungerlo nella seconda parte della nottata. Pertanto, prudenzialmente, Amcps procederà con la salatura dei punti sensibili con 2 mezzi a partire dalle 4», segnala il report del Comune di Vicenza, aggiungendo: «Fino ad ora sono stati sparsi complessivamente quasi 3.500 quintali di sale dai mezzi di Amcps che hanno percorso circa 3.900 chilometri. Le vie principali sono state tutte sgomberate dalla neve e Amcps ora è attiva per intervenire sulle viabilità secondaria e sulle aree pubbliche, anche a chiamata contattando il numero di emergenza neve 0444955660 attivo fino alle 16.30. In via Maganza, dove ieri Amcps è intervenuta dopo aver constatato la pericolosità di alcuni rami di pini marittimi, è completamente percorribile Aperti al traffico anche viale Trissino e Fusinato.  La protezione civile comunale si sta occupando anche oggi del recupero dei rami caduti a terra e della pulizia dei piccoli piazzali. Procede oggi il controllo dello stato delle luminarie e la loro sistemazione, se necessario. Ieri 16 operatori di Aim Ambiente hanno liberato marciapiedi e accessi nei pressi dell’ospedale e dei più importanti edifici pubblici del centro e delle periferia. Regolare il servizio di erogazione dell’energia elettrica di Aim Servizi a Rete».

L'ordinanza: "raccogliete la neve sul bordo del marciapiede"

Il Comune di Vicenza comunica con una nota di aver emesso oggi un’ordinanza per emergenza neve per "la salvaguardia dell’incolumità dei pedoni e per garantire la sicurezza di chi percorre le strade, con particolare attenzione per le fasce deboli della popolazione". Ecco in sintesi il  testo:

«Durante o dopo precipitazioni nevose di rilevante entità, i proprietari di tutti gli edifici prospicienti le aree soggette al pubblico passaggio, coloro che dimorano negli stabili, i conduttori, i portieri e custodi o gli inquilini sono invitati a collaborare per sgomberare i tratti di marciapiede ed i passaggi pedonali lungo il confine dei fabbricati di proprietà, tenendo libero uno spazio minimo utile al passaggio pedonale. Gli stessi sono invitati a raccogliere la neve sul bordo del marciapiede o della banchina e, comunque, ad attivarsi affinché la neve non invada gli attraversamenti pedonali e ostruisca gli scarichi e i pozzetti stradali».

«Inoltre, non devono gettare acqua o altri liquidi che possano causare la formazione di ghiaccio né tanto meno la neve raccolta dalle aree private sui marciapiedi, sui passaggi pedonali o sulla sede stradale. Gli stessi devono adottare tutte le misure necessarie ad impedire la caduta di neve e ghiaccio dai tetti e dalle parti degli immobili sporgenti, al fine di evitare pericoli e danni a persone e cose. Proprietari e conduttori di immobili devono provvedere al taglio dei rami degli alberi esistenti sulle proprietà private e sporgenti sul suolo pubblico, se pericolanti».

«Il Comune invita le persone con disabilità, gli anziani e coloro che risultano impossibilitati ad intervenire a contattare il numero 0444545311 (polizia locale) per richiedere l’intervento da parte della protezione civile comunale. I conducenti sono, inoltre, invitati a spostare i propri veicoli in modo tale da non ostacolare le operazioni delle macchine spargitrici e sgombraneve evitando, nei limiti del possibile, la sosta lungo le pubbliche vie. Un ulteriore invito è rivolto alla cittadinanza a far uso dei mezzi di trasporto privati solamente nei casi di effettiva necessità, prediligendo, per gli spostamenti in ambito urbano, i mezzi pubblici».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La montagna frana: addio alla guglia Corno

Sicurezza

Comincia l'invasione delle formiche: i rimedi naturali

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento