Attualità

Maltempo, allagamenti a alberi caduti: prolungata l'allerta fino a mercoledì

Stato di attenzione in alcuni bacini idrografici fino alle 24 del 28 luglio. Danni ingenti alle colture in un clima impazzito che non ha risparmiato nemmeno i centri di alcuni comuni del Vicentino

Il Vicentino, nella giornata di lunedì è stato pesantemente colpito, a macchia di leopardo, dalle grandinate. Ma l'emergenza non è ancora finita. Il Centro funzionale decentrato della Protezione Civile del Veneto, in considerazione del tempo instabile previsto per oggi pomeriggio e la giornata di domani, con rovesci, temporali sparsi e fenomeni anche intensi, ha emesso un nuovo avviso di criticità idrogeologica fino alle 24 di mercoledì per i disagi che potrebbero verificarsi nel sistema di drenaggio urbano e lungo la rete idrografica minore.
Danni ingenti alle colture in campo ed alle strutture, con vento e grandine - chicchi grandi come palline da ping-pong - che hanno colpito la Pedemontana, ma anche il Vicentino, a macchia di leopardo.

Coldiretti ha già lanciato l'allarme per le colture colpite. La grandine è caduta su campi di mais, vigneti, alberi da frutto ed ortaggi in pieno campo. Con le ultime bombe d’acqua e trombe d’aria, salgono a milioni di euro i danni causati dal clima impazzito in un’estate 2021 bollente e siccitosa. È quanto emerge dall’analisi dell'associazione in riferimento all’ultima ondata di maltempo che ha devastato campi di mais, kiwi, vigneti, ed ortaggi.

“Una vera calamità – commenta Coldiretti Vicenza – in un momento particolarmente delicato per le coltivazioni agricole, con le raccolte in corso, mentre ci si avvicina alla vendemmia. A macchia di leopardo il Vicentino è stato interessato dalle avversità atmosferiche. Siamo di fronte alle conseguenze dei cambiamenti climatici, con una tendenza alla tropicalizzazione ed il moltiplicarsi di eventi estremi, con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo. L’effetto dei cambiamenti climatici, con l’alternarsi di siccità ed alluvioni non impatta solo sul turismo, ma ha fatto perdere oltre 14 miliardi di euro in un decennio, tra cali della produzione agricola nazionale e danni alle strutture ed alle infrastrutture nelle campagne con allagamenti, frane e smottamenti”.

Non si può fare molto contro questa situazione. “L’unica cosa che possiamo fare – conclude Coldiretti Vicenza – è di ridurre il rischio allagamenti pianificando l’uso del territorio e diminuendo la cementificazione che imperversa ovunque”.

Molti i comuni del Vicentino interessati da grandine, pioggia e vento. Colpite le campagne e le coltivazioni a Monticello Conto Otto, dove si sono verificati danni anche alla linea elttrettica a causa di un ramo caduto. Pesanti danni ai vigneti anche nella Valle dell'Agno. Le zone più colpite della provincia berica sono state Trissino, Brogliano, Costabissara, Nogarole, Costambissare, Castelgomberto, Bolzono Vicentino e le zone periferiche di Vicenza, soprattutto in zona Polegge. Numerosi gli interventi dei vigili del fuoco per piante e rami finiti a terra. A Bolzano danneggiato il tetto della sede del gruppo alpini. Allagamenti, oltre che piante sradicate, anche a Caldogno dove un reparto della casa di riposto Villa Caldogno è finito sott'acqua. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltempo, allagamenti a alberi caduti: prolungata l'allerta fino a mercoledì

VicenzaToday è in caricamento