«La Regione riapra il centro di salute mentale scledense»

È la richiesta di tre gruppi dell'Alto vicentino che con questo proposito hanno organizzato un sit-in in programma il 2 luglio davanti al duomo della città laniera

Una immagine dell'ospedale di Santorso nel comprensorio Alto vicentino

«Riaprire il Centro di salute mentale di Schio è una priorità»: è questo l'incipit di un volantino diffuso ieri in tutto il comprensorio del Leogra da tre sigle molto note in quel territorio: si tratta del «Comitato per la difesa della sanità pubblica dell'Alto Vicentino» della «Associazione cittadinanza e salute» nonché  del «Comitato Eugenio Carpanedo». I tre gruppi forti delle loro convinzioni hanno indetto un sit-in previsto proprio a Schio per giovedì 2 luglio alle ore 18.oo davanti al Duomo della città laniera.

Il volantino, che è stato curato tra gli altri da Orianna Zaltron, punta l'indice sulla situazione attuale: «Secondo la normativa, la presa in carico delle persone con malattia mentale è effettuata dal Dipartimento di salute mentale, attraverso il servizio ospedaliero di diagnosi e cura ed i Centri di salute mentale o Csm territoriali. Siamo tutti portati a pensare che sia l'ospedale il punto principale di riferimento, invece è proprio il Csm a svolgere la parte preponderante, occupandosi non solo della cura, ma anche della riabilitazione e dell'inserimento sociale. È il Centro di salute mentale - si legge ancora - ad accogliere la persona, a valutarne i bisogni, a progettare per lei gli interventi più adatti, avvalendosi anche delle strutture convenzionate... centri diurni, comunità alloggio..., a seguirla per tutto il tempo necessario, anche tutta la vita, se dovesse servire. La persona rimane difatti nel suo contesto di vita, ed è lì che viene aiutata a superare o a convivere con le proprie difficoltà».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Poi un'altra considerazione: «La salute e il benessere mentale sono fondamentali per la qualità della vita e la produttività degli individui, delle famiglie e delle comunità. Anche nella Regione Veneto negli ultimi anni è aumentato il disagio, ma purtroppo, a fronte di ciò, la risposta pubblica si mostra carente e inadeguata». Per di più la critica alla gestione da parte di palazzo Balbi della sanità del comprensorio si colloca in un filone ben noto. Che è quello delle critiche che da anni si moltiplicano «ferocemente» a causa dei cascami finanziari e sanitari materializzatisi dopo la costruzione del nuovo ospedale territoriale di Santorso che secondo i suoi detrattori avrebbe indebolito tutta al sanità pubblica dell'Alto vicentino obbligando la chiusura dei nosocomi di Thiene e Schio considerati efficienti e ben funzionanti. Si tratta di una querelle che non si è mai sopita e che nel novembre del 2019 aveva portato a manifestare oltre tremila persone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sulle Gallerie del Pasubio: giovane precipita e muore dopo un volo di 150 metri

  • Fuga dopo la rapina, l'auto si schianta: muore una donna

  • Stanno cambiando le frequenze televisive: scopri se la tua TV è da rottamare

  • Uomini e donne, un vicentino alla corte di Gemma: tra baci "umidi" e "massaggi"

  • L'appartamento brucia e si lanciano dal 2° piano: mamma e figlio in ospedale, gravissimo il padre

  • Strano ma vero: rapporto troppo focoso, trentenne si frattura il pene

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento