Influenza, situazione sotto controllo ma è allerta bronchiti e bronchioliti negli anziani

Il bilancio delle Ulss vicentine dice che nel territorio dell’ULSS 8 Berica sono oltre 1.300 gli ammalati, ma non si riscontrano complicanze gravi. Nell’ULSS 7 Pedemontana invece il contagio risulta al momento entro i parametri

L’influenza è arrivata, ma la macchina della prevenzione attivata nelle ultime settimane sta consentendo di contenere il contagio, soprattutto tra le categorie più a rischio. Sulla base dei dati più aggiornati del Rapporto Epidemiologico della Direzione Prevenzione della Regione Veneto, si stima che siano oltre 1.300 i vicentini residenti nel territorio dell’ULSS 8 Berica già colpiti dall’influenza, circa 2.400 in tutta la provincia. La buona notizia però è che almeno per il momento nel territorio locale - a differenza di altre aree - non si sono ancora registrati casi di complicanze gravi.

Significativa è invece l’attività diagnostica svolta nel Laboratorio di Microbiologia dell’ULSS 8 Berica (in collaborazione con quello di Padova per i casi più complessi): sui pazienti ricoverati - provenienti soprattutto da Pediatria ed Ematologia - sono stati ben 92 i tamponi nasofaringei prelevati ed esaminati nelle ultime settimane, anche se di questi solo per un caso - un paziente pediatrico - è stata confermata la presenza del virus dell’influenza A. In tutti gli altri, almeno per il momento, si è trattato di altre sindromi “parainfluenzali”.

Tra questi, si segnalano 11 casi di virus respiratorio sinciziale (riscontrati su un totale di 40 campioni esaminati), tutti in pazienti della Pediatria. Ben 7 di questi, tra l’altro, sono stati riscontrati negli ultimi giorni, tra il 30 dicembre e il 3 gennaio.

Di altra natura invece è l’allerta che coinvolge soprattutto la Geriatria: qui infatti in questo periodo sono frequenti i casi di pazienti ricoverati in seguito al riacutizzarsi di bronchiti e broncopolmoniti, circa 150 ogni anno e naturalmente concentrati nel periodo invernale, quando arrivano a incidere per circa il 30 % sul totale dei ricoveri.

Non si registrano invece particolari picchi di attività al Pronto Soccorso, dove gli accessi di soggetti con sintomi influenzali sono per ora limitati. «Anche perché - ricorda il dott. Francesco Corà, direttore del Pronto Soccorso di Vicenza - il Pronto Soccorso non è il canale corretto al quale rivolgersi per l’influenza: il primo riferimento rimangono il Medico di Medicina Generale e il Pediatra di Libera Scelta, o eventualmente la Guardia Medica, mentre il Pronto Soccorso è rivolto, parlando di sindromi influenzali, soprattutto ai soggetti più fragili, anziani o malati cronici con una sintomatologia particolarmente acuta».

«Complessivamente - sintetizza Salvatore Barra, direttore sanitario dell’ULSS 8 Berica - possiamo dire che il grande impegno profuso per la prevenzione, dall’inizio di novembre ad oggi, sta dando i suoi frutti, anche se l’attenzione rimane alta, anche perché si prevede che il picco stagionale possa arrivare verso la fine del mese. Anzi, proprio per questo motivo c’è ancora qualche giorno di tempo per vaccinarsi: un appello che vogliamo rilanciare soprattutto verso chi appartiene alle categorie a rischio e non ha ancora provveduto».

Proprio dalle vaccinazioni arrivano numeri confortanti: nel territorio dell’ULSS 8 Berica, sono state 67.665 le dosi di vaccino consegnate ai Medici di Medicina Generale e altre 1.300 ai Pediatri di Libera Scelta, mentre 4.124 sono state destinate alle strutture residenziali per anziani; ulteriori 1.966 dosi invece sono state somministrate direttamente dagli operatori del Servizio Igiene e Sanità Pubblica (Sisp) durante le sedute di vaccinazione organizzazione dall’ULSS 8 Berica.

Un’ultima nota positiva riguarda la vaccinazione del personale sanitario, che quest’anno è più che raddoppiata in ULSS 8 Berica: si sono vaccinati infatti 888 operatori contro i 374 dell’anno precedente. E proprio su questo risultato interviene il Direttore Generale Giovanni Pavesi: «È un risultato molto significativo per due motivi: innanzi tutto perché è importante che chi svolge una professione sanitaria dia il buon esempio in tema di vaccinazioni; in secondo luogo, in un’epoca in cui è alta l’attenzione sul tema degli organici, per la ben nota carenza di medici, scegliere di vaccinarsi è anche un modo per garantire la continuità assistenziale e non mettere in difficoltà i colleghi».

Nel territorio dell’ULSS 7 Pedemontana invece il contagio risulta al momento sotto controllo, grazie anche all’attività di prevenzione svolta nelle ultime settimane. Sulla base dei dati più aggiornati del Rapporto Epidemiologico della Direzione Prevenzione della Regione Veneto, si stima che siano oltre un migliaio i residenti nel territorio dell’ULSS 7 Pedemontana già colpiti dall’influenza, circa 2.400 in tutta la provincia, ma per la grande maggioranza sono state sufficienti le cure prestate dal Medico di Medicina Generale o dal Pediatra di Libera Scelta.

Ad oggi sono pochi infatti i pazienti con diagnosi di influenza registrati in Pronto Soccorso: solo 33 al San Bassiano da ottobre ad oggi, 30 all’ospedale di Asiago, appena 6 in quello di Santorso. Inoltre quasi tutti, una volta visitati, sono stati dimessi: solo in 3 casi a Bassano e in un caso ad Asiago si è reso necessario il ricovero.

È da sottolineare invece che la maggior parte degli accessi registrati è concentrata tra la fine di dicembre e l’inizio di gennaio, e questo conferma l’ipotesi secondo la quale il picco influenzale deve ancora arrivare, essendo verosimilmente atteso per la fine di gennaio.

Assai più consistente è invece il numero di cittadini che si sono rivolti al Pronto Soccorso per sindromi parainfluenzali: dal mese di ottobre ad oggi sono stati ben 756 gli accessi per febbre e altri 256 per tosse al San Bassiano, rispettivamente 153 e 88 ad Asiago, 393 e 370 a Santorso.
Tra questi, a destare la maggiore preoccupazione sono stati i pazienti ai quali i successivi accertamenti hanno consentito di diagnosticare una bronchite: ben 202 a Bassano, 43 ad Asiago e 13 a Santorso.

«In generale - commenta Emanuela Zandonà, direttore sanitario dell’ULSS 7 Pedemontana - fino a dicembre non abbiamo registrato numeri significativi, ma proprio in questi giorni stiamo riscontrando un aumento degli accessi nei Pronto Soccorso riconducibili a patologie influenzali. Voglio ricordare quindi che è fondamentale ridurre i rischi di contagio, restando quindi a casa in caso di malattia, e che il riferimento primario per l’influenza rimangono i Medici di Medicina Generale e i Pediatri di Libera Scelta, o la Guardia Medica, con il Pronto soccorso indicato per i pazienti più fragili o con sintomatologie anomale o particolarmente acute».

In un’ottica di contenimento del contagio, riscontri positivi sono venuti dalla campagna di vaccinazione, che nelle scorse settimane ha visto la distribuzione di oltre 60 mila dosi nel territorio dell’ULSS 7 Pedemontana.

A questo riguardo, un risultato apprezzabile riguarda anche l’incremento degli operatori sanitari che si sono sottoposti al vaccino: all’ospedale di Bassano quest’anno sono stati 235, contro i 150 dello scorso anno, ma in crescita risultano anche i vaccinati tra il personale di Santorso (208, contro 150 dell’anno precedente) e Asiago (40 contro 30), grazie anche ad una serie di attività di sensibilizzazione mirate al personale aziendale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fuga dopo la rapina, l'auto si schianta: muore una donna

  • Uomini e donne, un vicentino alla corte di Gemma: tra baci "umidi" e "massaggi"

  • Schianto nella notte, l'auto si cappotta più volte: muore un 21enne

  • Uomini e donne, vicentino protagonista del Trono over trova l’anima gemella

  • Alto Vicentino nella morsa del maltempo: grandine e raffiche di vento

  • Dramma della disperazione per una mamma: il figlio 15enne la salva da un gesto estremo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento