Lunedì, 15 Luglio 2024
Attualità

In arrivo 53 nuovi posti negli asili nido: si riducono le liste d’attesa

Sindaco Possamai e assessore Selmo: «Una misura in controtendenza che dà una risposta immediata alle famiglie»

Da settembre aumenteranno di 53 unità i posti negli asili nido comunali. La misura, fortemente voluta dall’amministrazione, consentirà di alleggerire le liste d’attesa venendo incontro alle richieste delle famiglie.

L’incremento interesserà l’asilo nido Turra, dove i bambini accolti passeranno da 60 a 72, e l’asilo nido San Rocco, che aumenterà l’accoglienza da 46 a 67 posti. Nella scuola dell’infanzia Peronato verranno invece create due sezioni “primavera” in grado di accogliere 20 bambini dai due ai tre anni compiuti. Una novità questa introdotta per la prima volta nel sistema educativo comunale, che offre la possibilità di ampliare l’offerta di posti (424 quelli attuali) e di sperimentare una nuova soluzione pedagogica incentrata sulla continuità tra asilo nido e scuola dell’infanzia.

L’aumento, possibile grazie ad uno stanziamento di circa 90 mila euro nell’assestamento di bilancio, è stato presentato a Palazzo Trissino dal sindaco Giacomo Possamai e dall’assessore all’istruzione Giovanni Selmo.

«Dopo l’avvio della riduzione delle rette, l’aumento dei posti rappresenta il secondo punto di quella che potremo definire come la “manovra asili nido” – ha affermato il sindaco Giacomo Possamai -. Una misura che risponde all’aumento delle domande di iscrizione dovuto anche all’introduzione della riduzione delle rette, che da settembre arriverà al 40%, e alle numerose richieste di sostegno arrivate da quanti sono rimasti in lista d’attesa. Anche in tempi di ristrettezze economiche questa amministrazione dimostra la continua attenzione verso le famiglie e quanto le politiche pubbliche possano incidere nel dare sostegno ai genitori».

«Per la prima volta in dieci anni andiamo in controtendenza aumentando la capienza degli asili nido comunali – ha spiegato l’assessore all’istruzione Giovanni Selmo -. A fronte delle numerose richieste di iscrizione, abbiamo deciso di non aspettare il prossimo anno educativo, quando ci saranno le nuove strutture realizzate grazie al Pnrr, ma di agire subito. Le soluzioni trovate, grazie al personale del settore istruzione, guardano da un lato all’aumento della capienza in due strutture della città, come permesso dalle concessioni e dalle caratteristiche degli spazi, e dall’altro all’introduzione di un’innovazione pedagogica interessante. Al Turra, asilo nido situato nella zona est della città con più di 60 bambini in attesa alla pubblicazione delle graduatorie, abbiamo raggiunto la capienza massima introducendo 12 nuovi posti. All’asilo nido San Rocco, nella zona ovest, saranno invece 21 i nuovi posti introdotti da settembre. Inoltre, per la prima volta in assoluto il Comune di Vicenza creerà la sezione primavera, una soluzione pedagogica di avvicinamento alla scuola dell’infanzia che sarà sperimentata alla Peronato. Qui saranno previsti 20 posti per bambini dai 2 ai 3 anni che lavoreranno a stretto contatto con la scuola dell’infanzia. Procederemo adesso contattando le famiglie in lista d’attesa delle strutture interessate dall’incremento, ricontattando anche quelle che hanno comunicato la rinuncia, dopo aver trovato soluzioni alternative anche nei nidi privati».

L’ampliamento dei posti deciso dall’amministrazione consentirà di scorrere le liste d’attesa, in continuo aggiornamento, dei nidi Turra (23 famiglie da contattare) e San Rocco (13 famiglie da contattare. Per le sezioni primavera si pescherà dagli elenchi dei nidi Turra e Giuliari (38 famiglie da contattare). Una volta esaurite le richieste dei nidi interessati dall’aumento dei posti, ricontattando anche chi ha rinunciato, si proseguirà chiamando le famiglie in attesa nelle altre strutture comunali.

Per quanto riguarda le sezioni primavera, saranno collocate all’interno della scuola dell’infanzia Peronato e accoglieranno ciascuna 10 bambini e un educatore. A differenza degli asili nido, nei quali per ogni educatore possono esserci al massimo otto bambini, le sezioni primavera consentono di aumentare questo rapporto fino a 10 piccoli alunni, ampliando quindi la possibilità di posti offerti. Essendo integrate nella scuola dell’infanzia, le sezioni primavera garantiscono inoltre un percorso di continuità tra l’ultimo anno di asilo nido e il successivo step educativo.

Per far fronte al potenziamento dell’accoglienza verranno assunti, grazie a 90mila euro che saranno stanziati nell’assestamento di bilancio, cinque educatori e un collaboratore a tempo pieno, a cui si aggiungeranno tre incarichi part-time.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In arrivo 53 nuovi posti negli asili nido: si riducono le liste d’attesa
VicenzaToday è in caricamento