Venerdì, 18 Giugno 2021
Attualità

Quando il cancro non è un limite, pazienti del San Bassiano diventano attrici

Prima hanno dato un calcio alla malattia dimostrando di essere forti e combattive e sfilando in Defilé della Rinascita poi si sono raccontate nella pellicola diretta da Manuele Cecconello mostrando le loro fragilità e punti di forza

Lunedì sera in sala Da Ponte, ha fatto il suo debutto "Il mondo è mio", il documentario realizzato dal regista bergamasco Manuele Cecconello, in collaborazione con l'associazione oncologica San Bassiano Onlus e com l'atelier Raptus&Rose di Silvia Bisconti.

La pellicola racconta, attraverso il vissuto di Annalisa, Silvia e Debora alcune delle dimensioni di aiuto e supporto che l'associazione oncologica San Bassiano offre a coloro che affrontano il percorso della malattia oncologica.

Un processo di rinascita che è un inno alla resilienza e all’autoconsapevolezza. Il “mondo” che era lontano e inaccessibile, ridiventa “mio” nel qui ed ora di una esperienza straordinaria da cui ripartire!

Il documentario dà lustro anche all'esperienza del "Defilé della Rinascita", la sfilata che qualche anno fa ha portato a sfilare in piazza del Signori alcune pazienti oncologiche, che per un giorno hanno indossato gli abiti della stilista Bisconti nell'evento nato dal sodalizio tra Gianni Celi e Dina Faoro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quando il cancro non è un limite, pazienti del San Bassiano diventano attrici

VicenzaToday è in caricamento