rotate-mobile
Attualità Zanè

Manager vicentina consacra la sua vita a Cristo Gesù, nella verginità e nell’amore alla Chiesa

Domenica, in basilica Cattedrale a Padova, riceverà la consacrazione secondo il rito dell’Ordo virginum

Diocesi Padova Ufficio Stampa dir <ufficiostampa@diocesipadova.it>

18 apr 2024, 11:35 (2 giorni fa)


 

a

Padova, 18 aprile 2024

COMUNICATO STAMPA 53/2024

Erika Franzon 36enne, manager in un’industria metalmeccanica con due lauree alle spalle, una in Scienze internazionali e diplomatiche e l’altra in Scienze dell’educazione e della formazione, con un anno di servizio civile in Perù sarà una dellle nove donne che domenica 21 aprile, sarà consacrata dal vescovo di Padova Claudio Cipolla, in basilica Cattedrale, secondo il rito dell’Ordo virginum.

Originaria di Centrale di Zugliano e residente a Zanè, nel 2018 – a 30 anni – ha iniziato un percorso di discernimento vocazionale in dialogo con il vescovo Claudio. In questo tempo, partecipando attivamente alla vita parrocchiale e al Sinodo diocesano come membro dell’Assemblea sinodale, è maturato in lei il desiderio di rispondere all’amore di Cristo con una vita totalmente consacrata a lui nella verginità e nell’amore alla Chiesa. Discernimento che ora la porta alla consacrazione nell’Ordo virginum, la forma più antica di vita consacrata femminile.

L’Ordo virginum (Ordine delle Vergini), è una speciale forma di consacrazione prevista anche dal Codice di Diritto Canonico al n. 604: «A queste forme di vita consacrata (il riferimento è ai canoni precedenti in cui s’illustrano le norme relative agli istituti di vita consacrata, ndr) è assimilato l’ordine delle vergini, le quali, emettendo il santo proposito di seguire Cristo più da vicino, dal vescovo diocesano sono consacrate a Dio secondo il rito liturgico approvato e, unite in mistiche nozze a Cristo Figlio di Dio, si dedicano al servizio della Chiesa».

Le consacrate dell’Ordo virginum esprimono nelle mani del vescovo il proposito di vivere per tutta la vita la verginità «per il regno dei cieli» – perché l’unico sposo è Cristo Gesù – rimanendo in un contesto ordinario di vita. Non hanno segni distintivi e non appartengono a un ordine religioso, non sono tenute alla vita comunitaria, ma hanno come famiglia spirituale la Chiesa diocesana. Una vita, dunque, immersa tra la gente comune e in cui ci si mantiene con il proprio lavoro, che diventa testimonianza di un legame profondo, intimo, esclusivo con Gesù. La figura di riferimento è il vescovo diocesano, con cui ciascuna vergine consacrata discerne il proprio cammino. Il vescovo può scegliere di nominare un delegato che lo affianchi nella cura pastorale dell'Ordo virginum. Attualmente questo compito è affidato a don Claudio Bortignon.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manager vicentina consacra la sua vita a Cristo Gesù, nella verginità e nell’amore alla Chiesa

VicenzaToday è in caricamento