Eccidio di Schio, Cnddu ricorda le vittime

il Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei diritti umani vuole condannare incondizionatamente la violenza gratuita e disumana

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VicenzaToday

In occasione delle celebrazioni della ricorrenza dell’eccidio di Schio, avvenuto nella notte tra il 6 e il 7 luglio del 1945 all’interno delle carceri della città, in cui persero la vita 54 vittime di cui 15 donne (Amadio Teresa; Arcaro Teresa; Baldi Irma; Bernardi Settima; Bernardi Quinta; Dal Collo Maria Teresa; Dal Dosso Anna; Dal Cucco Irma; Franchini Fernanda; Lovise Angela-Irma; Lovise Blandina; Magnabosco Lidia; Pancrazio Giovanna; Rinacchia Giselda; Stella Elisa) la gran parte delle quali erano totalmente estranee a ogni riferimento politico, per mano di alcuni partigiani della Divisione Garibaldi Ateo Garemi, il Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei diritti umani vuole condannare incondizionatamente la violenza gratuita e disumana. 

Come insegna l’art. 3 della DUDU, va condannato in quanto esecrabile e belluino sistema per risolvere contenziosi o peggio ancora per applicare la legge del taglione senza ricorrere alla giustizia vera o appellarsi alla “pietas”, di cui ogni essere umano dovrebbe essere dotato a prescindere dal colore della propria casacca.

La vicenda veramente tragica e vergognosa venne stigmatizzata anche dal generale americano Dunlop, governatore alleato nel Veneto, il quale amareggiato affermò “Sono qui venuto per una incresciosa missione, per un anno e mezzo ho lavorato per il bene dell’Italia, la mia opera e la mia amicizia sono state, io lo so, riconosciute e apprezzate, è mio dovere dirvi che mai prima d’ora il nome dell’Italia è caduto tanto in basso nella mia stima, non è libertà, non è civiltà che delle donne vengano allineate contro un muro e colpite al ventre con raffiche di armi automatiche e a bruciapelo. Io prometto severa e rapida giustizia verso i delinquenti, confido che il rimorso di questo turpe delitto li tormenterà in eterno e che in giorni migliori la città di Schio ricorderà con vergogna e orrore questa spaventosa notte e con ciò ho detto tutto”.

Oggi, malgrado i responsabili non abbiano pagato il loro debito per una strage così ingiustificabile quanto efferata, il 3 febbraio 2017 di fronte al vescovo di Vicenza, Beniamino Pizziol, Anna Vescovi, la figlia dell'allora commissario prefettizio e pluridecorato capitano della Divisione Ariete in Africa Giulio Vescovi e il suo carnefice, il partigiano Valentino Bortoloso hanno firmato un «atto di riconciliazione».

Il Cnddu auspicherebbe che un simile gesto così costruttivo venisse riproposto simbolicamente in futuro, in presenza o in DaD, davanti a una delegazione di studenti di ogni ordine e grado per far comprendere l’importanza della pace come conquista collettiva e origine di prosperità.

Prof. Romano Pesavento presidente Cnddu

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento