Giovedì, 16 Settembre 2021
Attualità

Bike sharing, arrivano in città le prime 70 e-bike

La tariffa per l'utilizzo è di 0,25 euro al minuto. Saranno disponibili anche pacchetti minuti scontati

Da oggi cittadini, turisti e city user potranno spostarsi in città rispettando l'ambiente grazie a 70 nuove e-bike. A fine settembre, inoltre, arriveranno altre 80 bici tradizionali, a pedalata muscolare, fino ad una dotazione complessiva di 350 mezzi entro il 2021.

Con la messa a disposizione delle biciclette a pedalata assistita, azionabili tramite l'app RideMovi, il Comune di Vicenza ha dato ufficialmente il via al servizio di bike sharing che sarà fornito dall'azienda italiana RideMovi Spa.

Obiettivo: incentivare una mobilità urbana, smart e sostenibile.

A darne l'annuncio martedì mattina nel piazzale della stazione, dove, per l'occasione, sono state posizionate 10 e-bike, sono il sindaco Francesco Rucco, il vicesindaco con delega alla mobilità Matteo Celebron e Davide Lazzari, business development and public affair di RideMovi Spa.

“Promuovere la mobilità sostenibile – ha ricordato il sindaco Francesco Rucco – è un obiettivo del nostro mandato amministrativo. Mi auguro che cittadini e turisti apprezzino e utilizzino fin da subito questo nuovo servizio che permette di spostarsi in modo comodo e green in città”.

“Si tratta di un servizio davvero smart – ha aggiunto l'assessore Matteo Celebron – che consente di lasciare il mezzo nel luogo di destinazione senza necessità di cercare una rastrelliera. Tra bici elettriche e bici muscolari e le diverse formule di noleggio proposte dall'applicazione ogni utente troverà la soluzione di utilizzo più adatta alle proprie esigenze”.

Il Servizio

Gli utenti, una volta registrati, potranno scegliere e prenotare il mezzo attraverso l'applicazione RideMovi che, scaricata gratuitamente sullo smartphone, consentirà di cercare il mezzo più vicino direttamente sulla mappa della città e scansionare poi il codice QR sulla bici, sbloccando così il lucchetto e avviando la corsa. Giunto a destinazione, l'app guiderà l'utente anche sulle modalità e sulle aree di parcheggio. Sempre inquadrando il QR code sulla bici sarà possibile chiudere il noleggio.

La tariffa per l'utilizzo dell'e-bike è di 0,25 euro al minuto. Saranno disponibili pacchetti minuti scontati: per mezz'ora il costo sarà di 6 euro (anziché 7,50) mentre per un'ora 11 euro (anziché 15). I pacchetti minuti potranno essere utilizzati in tutte le altre città in cui è presente il servizio come, ad esempio, Padova, Venezia, Bologna, Mantova e Firenze.

La circolazione dei mezzi sarà possibile su tutto il territorio comunale.

Per quanto riguarda le modalità di parcheggio, all'interno del centro storico la sosta potrà avvenire solo sulle aree evidenziate dall'icona P, corrispondenti alle posizioni delle rastrelliere collocate in città, in modo da garantire un servizio efficiente ed ordinato.

Nella restante parte del territorio comunale gli utenti potranno prendere le bici, usarle e lasciarle dove vogliono, in modalità free floating, senza doverle necessariamente riporre nelle rastrelliere. È prevista però una premialità di 30 centesimi per la riconsegna nei punti parcheggio indicati dall'icona P.

Saranno presenti anche delle No parking area (ad esempio i parchi che chiudono durante la notte), nelle quali non potrà avvenire la sosta: qui in caso di parcheggio sarà applicata una sanzione di 10 euro.

Sarà attivo, inoltre, un servizio operativo su strada incaricato di gestire guasti, atti vandalici, manutenzione ordinaria delle bici, controllo e riequilibrio della flotta di mezzi in funzione degli spostamenti effettuati dagli utenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bike sharing, arrivano in città le prime 70 e-bike

VicenzaToday è in caricamento