rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Attualità

Bonus spesa e presidio del territorio, l'intervento del Comune in emergenza

Mercoledì, il sindaco Rucco ha illustrato alcune iniziative che la Giunta ha messo in calendario per dare sostegno ai cittadini in questo particolare momento di difficoltà

In questo momento di particolare di difficoltà, il Comune di Vicenza ha deciso di intervenire con alcune iniziative volte a sostenere i cittadini. Un primo intervento riguarda la sospensione canoni di locazione per associazioni e attività commerciali che occupano i locali di proprietà comunale, il pagamento slitterà a fine ottobre con possibilità di rateizzazione per gli importisuperiori a 3mila euro. Se arrivano dal governo ulteriori incentivi, rimetteremo mano a quanto detto.

Per quanto riguarda invece il bonus spesa determinato dal Governo, il Comune sta ancora attendendo l'accreditamento, pari a 585mila euro, da destinare alle persone in reale difficoltà economica.  Il Comune ha stabilito dei criteri di assegnazione e al tempo stesso ha fatto partire un avviso rivolto agli esercizi commerciali che vogliono aderire all'iniziativa ovvero, saranno poi i servizi dove i possessori di buono dovranno dare la spesa.

Saranno bonus da 50 euro con doppia matrice (uno rimarrà al Comune, uno al cittadino). "Abbiamo definito alcune fasce - ha spiegato il vicesindaco Matteo Tosetto - per nuclei max di 2 persone sarà destinato un bonus da 100 euro, fino a 4 di 200 euro, da 5 a più persone 300 euro. Chi potrà beneficiarne? Chi ha meno di 1000 euro in conto al 31 marzo. Per fare un esempio, se ci fosse un nucleo di 2 persone maggiorenni la somma dei loro conti non dovrà superare i 2mila euro per beneficiare del conto".

Per richiedere il bonus si dovrà presentare la domanda on line con autocertificazione, per chi non è in grado potrà rivolgersi al numero di Vicenza sicura per avere un aiuto nella compilazione. Il buono verrà poi consegnato nei giorni successivi al domicilio dai volontari che si sono già occupati della  distribuzione porta a porta agli anziani delle mascherine.

A fianco a queste iniziative, il sindaco Rucco ha annunciato che saranno intensificati i controlli di sorveglianza del territorio: "Un'auto monitorerà il patrimonio dei negozianti, attività chiuse che potrebbero essere oggetto di maleintenzionati. L'iniziatività è partita dal centro storico"

Ecco che da venerdì 3 aprile, per tutta la durata del periodo legato all'emergenza Coronavirus, due istituti di vigilanza privata del territorio, Rangers Srl Servizi di Sicurezza e Gruppo Civis Spa, metteranno a disposizione, gratuitamente, le proprie guardie giurate armate per servizi di vigilanza in centro storico e nelle vie limitrofe.

Il servizio, che verrà svolto dalle 7 alle 21, sarà di appoggio alle attività commerciali aperte in base a quanto previsto dal DPCM 11 marzo 2020, tra cui gli ambulanti del settore alimentare che partecipano ai mercati settimanali.

L'iniziativa nasce dalla collaborazione tra il “Tavolo delle Associazioni del Centro Storico”, Rangers Srl Servizi di Sicurezza, Gruppo Civis Spa, con il sostegno del Comune di Vicenza.

“Oltre a questa lodevole iniziativa che nasce direttamente da associazioni ed enti cittadini, abbiamo deciso di implementare il livello di sicurezza del territorio con un ulteriore presidio della polizia locale – ha spiegato il sindaco Francesco Rucco –. Pertanto, nei prossimi giorni predisporremo due pattuglie di agenti in centro storico e quattro nei quartieri che copriranno tre turni (mattino, pomeriggio, tarda serata) in modo da rendere capillare il controllo del territorio con una presenza rassicurante per i cittadini”.

“Il mio ringraziamento, insieme a quello dell'amministrazione comunale e della città, va a Rangers e Civis per questo importante gesto di solidarietà – ha dichiarato l'assessore alle attività produttive Silvio Giovine -. Si tratta di un’iniziativa promossa insieme al Tavolo delle Associazioni del Centro Storico a sostegno della attività commerciali e dei loro utenti ma anche di supporto alle forze dell’ordine, i cui uomini e donne sono in prima fila assieme al personale sanitario in questi giorni difficili. Eventuali situazioni di pericolo potranno, infatti, essere segnalate dalle guardie giurate a Carabinieri, Polizia di Stato, Polizia Locale e Guardia di Finanza”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus spesa e presidio del territorio, l'intervento del Comune in emergenza

VicenzaToday è in caricamento