La porcilaia dell'orrore: a un'unghia dalla verità

I ricercatori del Labanof hanno ritrovato il reperto che potrebbe, finalmente, portare la luce su una delle vicende più oscure degli ultimi anni: un caso senza cadaveri e senza colpevole

Nella tuta bianca degli esperti del Laboratorio di antropologia e odontologia forense la temperatura deve essere salita quando, setacciando metro per metro la terra nel canaletto di scolo della porcilaia, che fu di Valerio Sperotto, è comparsa un’unghia umana, probabilmente di un alluce.

Forse, dopo più di 30 anni, uno squarcio di verità si può aprire per la scomparsa delle due donne, Elena Zecchinato e Virginia Mihai, che avvenne a undici anni di distanza l’una dall’altra. Tra il 1988 e il 1999. Uno dei casi irrisolti più intrigante e complesso avvenuto nel vicentino. Un duplice omicidio senza cadaveri. 

Un caso senza vittime e senza colpevoli


Definirlo cold case è addirittura riduttivo visto il tempo passato e vista la mancanza di elementi che possano definire un reato la sparizione delle due consorti di Sperotto. Un marito che fu indagato nel 1999 ma morì nel 2011, a 64 anni per tumore, senza nessuna pendenza. Un caso con presunte vittime e senza presunti colpevoli. Ma la verità è un dogma che va preservato e il perseverare nelle ricerche del pubblico ministero Hans Roderich Blatter potrebbe essere stata la giusta chiave per riuscire a leggere nel giusto modo una storia che ha i contorni di un orrore, che la provincia ha spesso regalato alla cronaca nera. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


La storia è nota a molti. Valerio Sperotto era un facoltoso allevatore di maiali a Velo D’Astico. Un paesino incastonato in una conca ai piedi del Summano e del Novegno. Uno di quei posti dove l’inverno è rigido e lungo, dove il sole sembra sempre calare in anticipo rendendo il bellissimo il paesaggio contornato dai boschi, quasi lugubre. È in questo contesto che Elena Zecchinato, chiamata Ivette per le sue origini francesi, secondo alcune testimonianze prende la strada che conduce al bosco. È il 17 febbraio del 1988 e scompare risucchiata nel nulla, come a nulla valsero le ricerche sia in Italia che all’estero. 

La seconda moglie

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al laghetto di Marola la nuova spiaggia di Vicenza

  • Auto finisce capovolta nel torrente: muore conducente, ferita la passeggera

  • Allagamenti e frane, il Vicentino flagellato dal maltempo: alluvione a Solagna

  • Stop del Tosano, il punto vendita non si farà: dietrofront dopo l'emergenza Covid

  • Trasportano alimenti con 60 gradi nel furgone: maxi multa a un pasticciere

  • Folgorato da una scarica elettrica: grave operaio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento