Attualità

Pensione bloccata dalla burocrazia: “Costretta a vivere con 230 euro al mese”

Protagonista dell'annosa questione è Lidia, una 69enne vicentina, che da aprile viene rimpallata dagli sportelli: "Nessuno mi dà una spiegazione o delle tempistiche intanto io devo sopravvivere con i pochi soldi che mi sono concessi in attesa della reversibilità"

(foto di archivio)

Lidia ha 69enne, vive a Vicenza e sino al 1994 era sposata con un ex ferroviere. Le cose non vanno, i due si separano e l'ex compagno si risposa con una 43enne di Arcugnano. Una situazione analoga a molte famiglie direte voi. Invece non è proprio così perchè sei anni fa l'ex marito viene a mancare e la questione passa sul piano burocratico.

La pensione del marito viene "riversata" in equa parte alle due mogli. Ecco che Lidia si vede decurtata la sua pensione ma può beneficiare dell'integrazione che Inps prevede per le vedove. Fino a giugno del 2019 percepisce quindi 400 euro al mese.

Le cose si complicano quando anche la seconda moglie, nel novembre 2018, viene a mancare e Lidia si trova a dover presentare all'Inps a domanda di ricostituzione della pensione Superstiti Fs per cambio titolarità in quanto è rimasta la sola a poterne beneficiare.

In un primo momento si rivolge ad un patronato ma stanca delle non risposte, decide di prendere in mano la situazione e di recarsi di persona allo sportello Inps di Vicenza ma le cose non cambiamo. "Da aprile ad oggi non ho avuto alcun riscontro in merito alla mia domanda che, secondo gli operatori, risulta bloccata alla sede Inps di Venezia", ci racconta Lidia. Normale prassi? Situazione comune a molti? Sta di fatto che la signora Lidia, dal mese di luglio si trova a dover vivere con 230 euro al mese. Chi mai ci riuscirebbe?

Ecco che esasperata dalla situazione lancia un appello alle istituzioni affinchè possa trovare delle risposte, effettive: a che punto è la sua domanda? Quando potrà mai avere gli arretrati?

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pensione bloccata dalla burocrazia: “Costretta a vivere con 230 euro al mese”

VicenzaToday è in caricamento