rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Attualità Asiago

Il giallo dell'eredità, la Procura dispone l'autopsia di Maria Basso

Il timore è che l'80enne sia stata convinta con l'inganno a trasferirsi a centinaia di chilometri di distanza e sia stata indotta a cambiare il testamento

Sarà l'autopsia disposta dalla Procura di Vicenza a far luce sulle cause della morte della ricca pensionata di 80 anni Maria Basso, “sparita” da una casa di riposo di Asiago più di una decina di giorni fa e rintracciata successivamente in una struttura a Catania dove era arrivata con un parente e poi morta pochi giorni dopo. Come ripora l’Ansa, la Procura Veneta ha inviato una rogatoria a quella etnea che procede con gli atti urgenti.

L'anziana, senza eredi diretti, disponeva, da quanto emerge, di un ingente patrimonio fra conti correnti, gioielli e immobili. Sono stati altri parenti della donna, assistiti dall'avvocato Roberto Rigoni Stern, a presentare denuncia ai carabinieri di Bassano del Grappa per l'ipotesi di circonvenzione di incapace.

Il timore è che l'80enne sia stata convinta con l'inganno a trasferirsi a centinaia di chilometri di distanza e sia stata indotta, sfruttando le sue condizioni di salute, a cambiare il testamento con cui, secondo ricostruzioni, disponeva di lasciare tutta la sua eredità ai poveri. Un sospetto avvalorato dal fatto che l'80enne aveva revocato di recente la nomina di una procuratrice speciale che la seguiva da anni indicando al suo posto una cugina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il giallo dell'eredità, la Procura dispone l'autopsia di Maria Basso

VicenzaToday è in caricamento