rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Attualità Torri di Quartesolo

Palladium, da mecca dell'hip hop a luogo di culto: l'ex discoteca diventerà una chiesa ortodossa

A breve inizieranno i lavori sullo stabile, da tempo in abbandono e non più utilizzato da diversi anni

Chi non si ricorda, magari con una lacrimuccia il “Funky Remember”? Quel tempio del divertimento che dal 1988 a primi anni 2000 ha ospitato quell’appuntamento mensile dedicato esclusivamente alla musica funky anni '70 e '80, diverrà un luogo di culto. Lo stabile di Marola che ospitava la discoteca “Palladium” a breve sarà infatti letteralmente riconvertito. Al suo posto sorgerà una chiesa ortodossa. 

Sono tre le chiese ortodosse a Vicenza: rumena, moldavo-russa e serba. Quest’ultima, che attualmente si trova in via della Misericordia a San Marco, dovrebbe appunto spostarsi in una nuova struttura a Marola che sorgerà sulle ceneri del Palladium. Ancora non è dato a sapere se lo stabile verrà demolito oppure, cosa più probabile, semplicemente ristrutturato per far posto a una nuova chiesa. Per adesso, sull’ampio spazio esterno di fronte al ristorante adiacente alla discoteca, sono ammassati dei materiali e del terreno. A quanto risulta, il progetto della nuova chiesa sarebbe stato finanziato in larga parte dalla comunità serba, con una raccolta fondi di circa 400mila euro promossa dal capo spirituale dei serbi ortodossi. 

Il Palladium, per molti anni, è stata una discoteca storica per i vicentini e per gli americani residenti in città. Fondata  a Torri di Quartesolo nel 1985 dal mitico Dj Ciso, al secolo Gianfranco Dolci, purtroppo scomparso nel 2002, ha ospitato per anni il top della scena black e hip hop internazionale, attirando "fedeli" da tutta Italia. Su quella pista si sono esibiti artisti del calibro di Run Dmc, Rakim, Africa Bambaataa, giusto per fare qualche nome di una lunghissima lista. Il Palladium, dopo 25 anni di attività, ha poi chiuso i battenti definitivamente nel maggio 2011. Il Comune di Torri di Quartesolo, 11 anni fa, ha infatti sospeso la licenza per i soliti, eterni "problemi di vicinato", se si vuole chiamarli così

“Nessun altro avrebbe mai più potuto fare una discoteca in quel posto”, racconta Matteo Dolci, aka Ciso Jr, il figlio di Gianfranco, aggiungendo: “Giravano voci che stavano per fare un supermercato e tutto sommato, soprattutto se la struttura non verrà abbattuta, mi fa meno male pensare che ci sarà una chiesa” “Alla fine - conclude Matteo - la mecca dell’hip hop sarà un luogo di culto: è una forma diversa di spiritualità”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palladium, da mecca dell'hip hop a luogo di culto: l'ex discoteca diventerà una chiesa ortodossa

VicenzaToday è in caricamento