Crodaioli, dopo l'addio di Bepi De Marzi l'appello di Zaia: "Non li lasceremo andare"

Il governatore del Veneto è intervenuto sulla notizia che il coro di voci maschili di Arzignano ha deciso di non proseguire più la propria attività canora a seguito dell’abbandono del proprio direttore

Bepi De Marzi (foto: Facebook)

“No, non li lasceremo andare. I veneti non possono accettare che i Crodaioli, da sessant’anni magistrali voci della montagna,  si tacciano e si sciolgano. Capisco il loro disorientamento di fronte al saluto del maestro e fondatore, ma senza di loro il Veneto è afono, Come potremo ancora intonare quella struggente preghiera musicale che è “Il Signore delle cime”, senza più i coristi di Arzignano che l’hanno fatto conoscere e amare al mondo intero?”

E’ un appello accorato quello che il presidente del Veneto Luca Zaia rivolge ai Crodaioli, alla notizia che il coro di voci maschili di Arzignano, fondato e diretto da 61 anni dal maestro Bepi De Marzi, ha deciso di non proseguire più la propria attività canora a seguito dell’abbandono del proprio direttore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Lo scorso anno abbiamo tutti festeggiato i sessant’anni del sodalizio musicale e  di attività del maestro De Marzi, che con la sua maestria e sensibilità ha messo in musica i sentimenti e le storie più belle della montagna e della nostra cultura popolare – prosegue Zaia – I loro canti sono entrati nel  cuore della gente e sono patrimonio prezioso della nostra montagna e della nostra cultura. Se, a fatica e a malincuore, ci rassegniamo a rispettare la scelta del maestro-compositore, non vogliamo rimanere orfani anche dei ‘suoi’ Crodaioli e delle loro voci. Spero e mi auguro che i coristi di Arzignano possano ripensarci e accettare la sfida di essere eredi di se stessi continuando a dare voce alla poesia e alla spiritualità che il repertorio di Bepi De Marzi ha regalato al Veneto e all’umanità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, boom di contagi: effetto focolaio di Casier

  • Tragedia in strada Lobia, il mondo del calcio piange il suo portierone: "Ciao Pilo"

  • Poliziotto blocca un ragazzo, scoppia il caos in piazza Castello

  • Baraonda dei rapper in albergo: intervento della polizia, denunce ed “espulsione”

  • Piazza dei Signori ospita la Supercoppa di volley femminile: finale in diretta Rai

  • Coronavirus, tre nuovi casi a Vicenza: aumentano gli isolati su tutta la regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento