Covid e Valle del Chiampo: «Non chiamatela zona rossa»

Previsto per venerdì un altro incontro tra i sindaci dell'area. Si discute sulle misure da prendere, anche se Chiampo e Arzignano non sono del tutto convinti. In ogni caso il sindaco di Valdagno, specifica: «Siamo a discutere di eventuali misure di contenimento, ma non ci sarà nessun lockdown»

Il sindaco di Valdagno

Si discute sulle eventuali misure da prendere per contenere l'epidemia da Covid-19 che nella Valle dell'Agno, sta preoccupando amministrazioni e cittatidini, anche se i dati dei contagi sono in calo in questi ultimi giorni. Sul tema c'è stato un incontro, nella giornata di giovedì tra Ulss 8, Regione e i sindaci dei comuni, compresi Arzignano, Chiampo e Valdagno, i centri più importanti. Nel corso dell'incontro sono emerse posibilità di ulteriori restrizioni sulla zona interessata, come l'anticipo della chiusura dei bar alle 16 e la stop alle messe.

La decisione si prenderà nella giornata di venerdì, in attesa di linee guida ufficiali e anche perché i sindaci di Chiampo ed Arzignano si sono dimostrati titubanti verso delle nuove restrizioni comuni a tutti. Una delle possibili soluzioni potrebbe essere che dalla base di un'ordinanza ci sia poi dei margini di interpretazione in ogni Comune.

Una cosa è certa, nella vallata non ci sarà nessuna "zona rossa", quindi nessun tipo di restringimento tipo il divieto di uscire dal Comune di residenza, ovviamente solo nel caso in cui il Veneto resti in "zona gialla", altrimenti le regole cambieranno per forza di cose in tutta la regione. Su questo punto è stato molto chiaro il sindaco di Valdagno, Giancarlo Acerbi è stato chiaro: «Ho voluto rimarcare il fatto che non si sta parlando di "zona rossa" per la vallata dell'Agno. Stiamo definendo tra sindaci, Ulss e Regione eventuali misure più restrittive per far fronte comunque al numero elevato di casi presenti ancora in zona, ma ne daremo comunicazione ufficiale non appena saranno definite le singole ordinanze comunali. Nel frattempo raccomando a tutti il rispetto delle distanze, l'uso corretto della mascherina e la costante igienizzazione delle mani. Evitiamo poi tutti gli spostamenti non necessari, incluse le gite fuori porta del fine settimana, così come i ritrovi per pranzi, cene o altro a casa con persone non conviventi». I positivi attuali a Valdagno sono 492, i ricoveri 15 (+2), le vittime 14 (+4), mentre i guariti da ieri sono 30.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pestano a sangue due guardie zoofile: «È stata una spedizione punitiva»

  • Franco Picco alla Dakar 2021: è leggenda

  • Franco Picco alla Dakar: la zampata finale del leone

  • Riapre il bar per protesta, multa al titolare e a 17 clienti

  • Buoni fruttiferi riscossi parzialmente, un timbro errato le costa 79mila euro

  • Coronavirus, 8 decessi nel Vicentino: muore una 58enne

Torna su
VicenzaToday è in caricamento