Corsi di recitazione per ragazzi diventano un facile raggiro per spillare denaro

L’associazione Consumatori 24 analizza la vicenda che vede coinvolti anche dei vicentini

Il mondo dello spettacolo può essere allettante per le giovani promesse, ma anche ricco di brutte sorprese. Diverse sono le agenzie e le scuole di moda, canto e recitazione che promettono mari e monti purché venga sottoscritto un contratto di iscrizione alle stesse. All’associazione Consumatori 24 dopo le numerose segnalazioni ricevute sta osservando con attenzione la tematica al fine di evitare alcune criticità. 

In particolar modo, secondo le testimonianze ricevute, è emerso che una società padovana, in sede di conclusione del contratto, non avrebbe offerto le opportune informazioni commerciali né ai partecipanti né ai loro genitori. 

I contratti con la stessa solitamente si aggirano intorno ad un valore di oltre 5 mila euro annui ed in sede di accordo verrebbe data la possibilità di rateizzare l’importo grazie al pagamento di diciotto ‘’semplici bollettini’’. L’inghippo emerge quando il ragazzo o la ragazza iscritti al corso, nel pieno dei loro diritti circa l’annullamento del contratto sottoscritto, non possono più partecipare per motivi organizzativi, come accavallamento con gli orari scolastici, o sopraggiunti imprevisti. I genitori firmatari o i ragazzi stessi, se maggiorenni, scoprono, in fase di annullamento, di aver sottoscritto delle cambiali e pertanto di essersi impegnati comunque in maniera strettamente vincolante al pagamento delle stesse. Di fatto nei casi specifici dei segnalanti, ci si ritrova a non poter usufruire del servizio, mantenendo l’obbligo di corresponsione degli importi pena il protesto. 

Questo è il caso di diverse persone, residenti nelle varie province del Veneto, che, essendo incappate nella sopra menzionata Società ed avendo avuto la necessità di annullare il contratto a causa di eventi futuri non prevedibili in sede di negoziazione, si sono riscoperte intrappolate nel circolo vizioso di tratte e cambiali che, se avessero ricevuto le giuste informazioni in sede di sottoscrizione, non avrebbero mai assolutamente accettato. Altro dunque che semplici bollettini! 

Alcune delle decine di persone che si sono rivolte all’Associazione Consumatori 24 sono ad esempio una signora residente a Valdobbiadene (Treviso), la cui figlia minorenne non ha mai potuto partecipare al corso per motivi di natura fisica sorti successivamente alla sottoscrizione del contratto e per il quale la madre ha sottoscritto per appunto le cambiali che non è stato possibile, senza la disponibilità della Società, sospendere momentaneamente; una signora residente a Paese (Treviso), per mancata partecipazione al corso del figlio per accavallamento con gli orari scolastici ed anche in questo caso, nonostante l’impossibilità a frequentare i corsi, i pagamenti non sono stati sospesi; una signora residente ad Arzignano (Vicenza), la cui figlia non ha potuto partecipare a nessuna lezione in quanto i corsi non si sono più svolti a seguito della diffusione pandemica del virus Covid -19 ed anche in questo caso, mensilmente, le cambiali arrivavano in banca per il pagamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’associazione Consumatori 24, si è già attivata attraverso il suo ufficio legale per la risoluzione della vertenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dove gustare il miglior gelato: le top gelaterie di Vicenza e provincia

  • Al Palladio aprirà un cinema: il video della nuova sala super lusso

  • Tragedia sulle Gallerie del Pasubio: giovane precipita e muore dopo un volo di 150 metri

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: ecco come si vota

  • Anziano pestato in periferia, l'ira di Presidio Vicenza

  • Alunna positiva al Covid-19, scatta il protocollo: classe in quarantena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento