Coronavirus, Zaia: «Dati positivi, siamo in fase due ma ci prepariamo alla nuova ondata di settembre»

La conferenza stampa di sabato del presidente della Regione Veneto. In Veneto, per la prima volta, i pazienti ricoverati in terapia intensiva no-covid hanno superato quelli in terapia intensiva per il contagio

Il presidente della Regione Veneto, nella conferenza stampa giornaliera, ha snocciolato i dati che indicano un netto miglioramento sul fronte dell'epidemia: «Sono 766 in meno le persone uscite dall'isolamento domiciliare rispetto a venerdì mattina mentre ci sono altri 318 positivi in più ma tengo a precisare che il numero dei contagi è proporzionale al al numero dei tamponi, ne abbiamo fatti più della Corea, 247.329 fino a oggi». Per quanto riguarda i ricoveri, attualmente sono 1477 in tutto il Veneto, 79 in meno rispetto a ieri e scendono ancora i pazienti in terapia intensiva.

«Sono calati di 7 unità - ha spiegato Zaia - attualmente sono 190, in pratica abbiamo più pazienti scaricati che caricati ogni giorno. In terapia intensiva i pazienti no covid sono 196, hanno superato quelli infettati dal virus, un miraggio fino a qualche settimana fa». In Veneto ci sono stati 2501 dimessi fino a oggi, mentre il numero dei morti in ospedale ha raggiunto quota 900, 23 in più rispetto a ieri. «Un numero purtroppo alto - ha commentato Zaia - sono persone in carico agli ospedali minimo già da 15 giorni»

Sulle riaperture, infine, Zaia ha ribadito che la decisione è in carico al Governo «ma la mia posizione è che il 4 maggio si possa riaprire con tutte le precauzioni ma si potrebbe fare  un razionale e prudente progetto di apertura già di adesso». Per il presidente della Regione, in ogni caso, il pericolo non è ancora passato e bisognerà convivere con il virus: «Il coronavirus tornerà in autunno e abbiamo fatto delle proiezioni su settembre e ottobre, per allora dobbiamo essere più preformanti di adesso. Oggi siamo nella fase 2, un limbo, ma l'infezione puo riacutizzarsi. Non mi stancherò mai di ripetere che l'assembramento è pericolo e la mascherina va utilizzata. Ci stiamo preparando per  un'altra fase acuta e la partita si gioca sul nostro modello, a cominciare dai tamponi»

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fuga dopo la rapina, l'auto si schianta: muore una donna

  • Uomini e donne, un vicentino alla corte di Gemma: tra baci "umidi" e "massaggi"

  • Stanno cambiando le frequenze televisive: scopri se la tua TV è da rottamare

  • Schianto nella notte, l'auto si cappotta più volte: muore un 21enne

  • Alto Vicentino nella morsa del maltempo: grandine e raffiche di vento

  • Frontale fra 2 auto: 3 feriti, grave una donna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento