Coronavirus, l'appello di Rucco: «Dobbiamo essere tutti responsabili»

Il sindaco di Vicenza sul nuovo decreto del Governo: «Cercheremo di dare indicazioni più chiare possibili anche ai nostri concittadini che per vari motivi necessitano di spostarsi anche nelle zone rosse a noi vicine»

Il sindaco e presidente della provincia Francesco Rucco interviene in merito alle ultime disposizioni del governo relativamente all'emergenza Coronavirus. 
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«In queste ore stiamo cercando di comprendere come applicare il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri emanato oggi  - spiega il sindaco Francesco Rucco – che per quanto riguarda Vicenza, provincia non considerata zona rossa, conferma le prescrizioni già annunciate nei giorni scorsi con in più l'obbligo di tenere chiusi i musei. Cercheremo di dare indicazioni più chiare possibili anche ai nostri concittadini che per vari motivi necessitano di spostarsi anche nelle zone rosse a noi vicine, Padova, Treviso e Venezia e la Lombardia, per citarne solo alcune. Naturalmente vale per tutti la regola di limitare più possibile gli spostamenti non strettamente necessari, perché tutti dobbiamo essere responsabili al fine di contenere il contagio e creare meno disagi possibili alla popolazione, in particolare alle persone più fragili. Rimane consentito quindi, se strettamente necessario, spostarsi per lavoro, per motivi di salute o tornare al proprio domicilio se si è lontani da casa.  In queste ore sono in contatto con la Regione Veneto, la prefettura e con i sindaci della provincia di Vicenza in modo da rispettare nel modo migliore le indicazioni del governo. Per quanto riguarda il mondo del lavoro il decreto spiega che i datori di lavoro sia pubblici che privati, se possibile, dovrebbero promuovere l'utilizzo di periodi di congedo ordinario o di ferie»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fuga dopo la rapina, l'auto si schianta: muore una donna

  • Uomini e donne, un vicentino alla corte di Gemma: tra baci "umidi" e "massaggi"

  • Stanno cambiando le frequenze televisive: scopri se la tua TV è da rottamare

  • Schianto nella notte, l'auto si cappotta più volte: muore un 21enne

  • Alto Vicentino nella morsa del maltempo: grandine e raffiche di vento

  • Strano ma vero: rapporto troppo focoso, trentenne si frattura il pene

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento