"La prossima settimana ci darà una direzione", altre 2 mln di mascherine da Grafica Veneta

Il governatore del Veneto, nel consueto punto stampa, ha illustrato i dati relativi ai contagi invitando nuovamente i cittadini al rispetto delle restrizioni imposte per il contenimento della diffusione del Covid-19

 

"Oltre 80mila tamponi realizzati in Veneto, Terapia intensiva cresce, inizia ad autmentare il numero dei pazienti dimessi", questi i passaggi chiave dell'intervento del governatore Luca Zaia illustrando i dati dei contagi in Veneto aggiornati a sabato mattina.

La preoccupazione è rivolta alle case di riposo che hanno la difficoltà di avere dei pazienti che sono dei pazienti, cronici e pluripatologici, che sono soggetti particolarmente a rischio. "Dobbiamo verificare che siano ben separati i percorsi, che i pazienti Covid siano ben separati dagli altri. La Regione lo fa volentieri ma le strutture non sono di competenza della Regione. Non è una landa abbandonata della Regione Veneto", ha precisato il presidente Zaia.

Sono passate le sperimentazioni di Avigan e tramite Aifa: "Siamo riusciti a farci passare il protocollo per la somministrazione dei farmaci sperimentali in via precoce nei malati sintomaci già al domicilio. Questo è un salto unico", sottolinea il governatore.

Relativamente al "modello": "Fondamentale sarà la prossima settimana, perchè ci darà una direzione".

La nota positiva è arrivata dalle dichiarazioni dell'imprenditore Franceschi di Grafica Veneta che alla prima tranche di mascherine protettive, in distribuzione su tutto il territorio regionale, ne produrrà altri 2 milioni di pezzi. E a chi lo accusa di essere autore di una grande azione di marketing, l'imprenditore padovano dichiara che la sua produzione è concentrata sul mercato estero e la conversione di parte del suo impianto produttivo alla realizzazione di dispositivi di protezione è un atto rivolto unicamente all'emergenza in Veneto. Che il suo futuro non è certo nella produzione di mascherina anche se da America e Spagna lo stanno contattando per poter rifornirsi.

Potrebbe Interessarti

Torna su
VicenzaToday è in caricamento