Coronavirus| Zaia, entro Pasquetta nuova ordinanza: «Martedì un Veneto che non sarà quello di oggi»

Nella conferenza stampa della vigilia il presidente della Regione Veneto annuncia che per domenica sarà pronto un aggiornamento del decreto: «Si concentrerà sui dispositivi piuttosto che sulle restrizioni»

Il lockdown durerà fino al 3 maggio, lo ha stabilito il dpcm del Governo che contiene alcune riaperture. Al decreto si adeguerà anche la Regione Veneto con una nuova ordinanza che probabilmente uscirà il giorno di Pasqua e che si concentrerà, a detta di Luca Zaia, «Sui dispositivi piuttosto che sulle restrizioni». Il tema caldo è insomma quello delle mascherine e della loro difficoltà di reperirle. Ma il tempo stringe e da martedì,  con le nuove aperture, la sfida più urgente sarà quella della messa in sicurezza dei dipendenti. Sui dati, poi, anche oggi si chiude un'altra giornata nella quale i dimessi sono superiori ai ricoverati «Questo è  un indicatore importante che fa ben sperare», ha sottolineato Zaia annunciando che la macchina da 9mila tamponi al giorni è entrata in funzione. 

La partita da giocare è comunque da giocare sulla sicurezza di cittadini e di lavoratori, in vista della macchina economica che si sta rimettendo in moto. «Rispetto alle imprese noi non possiamo chiudere imprese definite aperte. Si va a conclamare che il lockdown non esiste più. Direi che a questo punto abbiamo una riserva indiana dove ci sono i poveri che non riescono ad aprire - ha spiegato Zaia - oggi il tema degli assembramenti o dell'isolamento fiduciario non esiste più.

Per questo, l'ordinanza che uscirà a Pasqua (o al massimo a Pasquetta) avrà un cambio  di strategia. «Che ci siano disagi sulla ripartenza è ovvio ma il fattore limitante è la reperibilità dei dispositivi di sicurezza. Nell'ordinanza sarà previsto che le farmacie possono vendere le mascherine sfuse», ha sottolineato il governatore, aggiungendo: «Martedì il Veneto non sarà più quello di oggi, io non sono contrario alla riaperture ma bisogna farle a rischio zero perché  il problema non è  aprire tutto ma mettere in sicurezza. Il tema dei dispositivi è fondamentale, è la base, vedrete che la mascherina diventa lo spartiacque tra il contagio e non il contagio .Il vero tema è la messa di sicurezza dei dipendenti».

In sostanza, un'ordinanza regionale «adattata a un finto lockdown», ha concluso Zaia insistendo sul tema mascherine: «Se fossero reperibili sarebbe fondamentale rendere obbligatorie, ma attenzione, il contagio non è finito e invito i cittadini a non abbassare la guardia, fra 15 giorni resta comunque il tema della messa in sicurezza dei cittadini». 

E su questo tema il presidente del consiglio della Regione Veneto, lancia infine un appello: «Se vedete mascherine vendute a prezzi assurdi non esitate a segnalare la cosa alle forze dell'ordine»

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dove gustare il miglior gelato: le top gelaterie di Vicenza e provincia

  • Tragedia sulle Gallerie del Pasubio: giovane precipita e muore dopo un volo di 150 metri

  • Al Palladio aprirà un cinema: il video della nuova sala super lusso

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: ecco come si vota

  • Anziano pestato in periferia, l'ira di Presidio Vicenza

  • Alunna positiva al Covid-19, scatta il protocollo: classe in quarantena

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VicenzaToday è in caricamento