menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, Veneto stabile ma: "Siamo circondati". Ferma la negoziazione sui vaccini

In diretta dalla sede regionale della Protezione civile il governatore Luca Zaia ha dato lettura degli ultimi aggiornamenti sui contagi da Covid-19

Oggi, lunedì 22 febbraio si contano in Veneto 509 positivi sugli ultimi tamponi effettuati. L'incidenza dei positivi sui tampone è del 4,93%. I ricoveri contnuano ad essere in calo: 1.345, di cui 136 in Terapia intensiva e in 1.209 in area non critica.

BOLLETTINO VENETO 22 FEBBRAIO ORE 8

Il governatore del Veneto Luca Zaia ha riferito di aver avuto un incontro con il governo, nella serata di domenica,al quale hanno preso parte i ministri Gelmini e Speranza. "Ho chiesto che il Cts venga rivisto e rafforzato e possa avere un portavoce unico, onde evitare di vedere chi fa dichiarazioni e controdichiarazioni - ha spiegato Zaia - Credo poi sia doveroso rivedere i parametri, noi ci riferiamo all'Rt, ad esempio, ma lo valutiamo vecchio di 2 settimane. Il vero tema sono terapie intensive e ricoveri in area non critica".

"Siamo tutti d'accordo che i vaccini sono la via d'uscita - sottolinea il governatore - Spero che Draghi possa darci una mano per rimpinguare le scorte di vaccini. Se avessimo vaccini a sufficienza, tutta la squadra venete, compresi dunque i medici di base, può fare 45-50mila vaccini al giorno. Ieri in riunione l'atmosfera era positiva in tal senso, sicuramente, conoscendo le potenzialità delle fase farmaceutiche, passata questa fase di difficoltà, credo che arriveranno presto. Speriamo prima possibile, un Paese Covid-free torna sul mercato prima di tutti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

La pasta in bianco fa ingrassare? Scopri la verità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento