menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, il punto di Luca Zaia: «I dati sono buoni vedremo se avremo zona arancione o gialla di certo non rossa»

L'appuntamento quotidiano con il presidente della Regione Veneto e i dati aggiornati a mercoledì 20 gennaio sull'andamento dell'epidemia da Covid-19

Aggiornamento: Bollettino ore 17 di mercoledì 20

Continua la discesa degli attualmenti positivi in Veneto. Lo conferma il report del pomeriggio di Azienda Zero che segna altri 598 contagiati nelle ultime ore ma +3320 persone negativizzate. Il totale dei casi positivi a oggi è quindi di 54667, 2802 in meno rispetto a questa mattina. Ulteriore calo anche per gli ospedalizzati: sono -68 in area non critica, per un totale di 2487 e -2 in terapia intensiva, dove si trovano 339 pazienti. Ancora alto il numero dei decessi a causa del Covid: altri 80 in più registrati nelle ultime ore. I morti totali hanno raggiunto la cifra di 8336. 

A Vicenza e provincia, secondo i bollettini delle 8 e delle 17 sono 169 i nuovi contagiati, per  un totale di 9319 attualmente positivi mentre sono +20 i decessi nell'arco di una giornata. In calo i ricoveri sia nell'Ulss 7 che nell'Ulss 8. Attualmente si trovano in ospedale per il coronavirus 303 pazienti in area non critica e 27 in terapia intensiva. 

Il bollettino  delle ore 8 di mercoledì 20

Il Veneto non sarà in zona rossa. Ne è sicuro Luca Zaia che mercoledì ha fornito i dati aggiornati del bollettino sulla situazione epidemiologica in regione relativamente all'epidemia di Covid-19. «Venerdì ci sarà la nuova classificazione dell'Istituto superiore di sanità, non so se saremo in zona gialla o arancione, di sicuro non rossa». Ma com'è la situazione ad oggi? «La curva scende sempre di più e i dati sono buoni - risponde Zaia - la sola preoccupazione è che non ci sia qualcuno che possa pensare che sia finita. Se torna il sistema dello struscio con l'eventuale ritorno della zona gialla si crea un elemento di diffusione per il virus». 

Nelle ultime 24 ore in Veneto sono stati effettuati 44.314 tamponi, 17.122 dei quali  molecolari e 27.192 rapidi che hanno trovato 1359 positivi con incidenza del 3% . Gli attualmente positivi sono 57.469, ben 2057 in meno rispetto a ieri. Un dato che indica un incidenza maggiore dei guariti rispetto ai nuovi infettati. Negli ospedali ci sono 2.898 ricoverati, 338 dei quali in terapia intensiva (-1) e 2.560 in area non critica (-43) Purtroppo sono  69 le persone che han perso la vita nelle ultime 24 ore.

Gli altri due temi affrontati da Zaia nel punto stampa sono i vaccini e la scuola. Sulla scuola c'è l'incognita del ricorso al tar per la chiusura delle scuole superiori. «Leggeremo le motivazioni e nel caso si deciderà se prendere atto o se ricorrere al Consiglio di Stato. Siamo fortemente preoccupati che si voglia far passare l'idea che non sia un problema la riapertura della scuola perché oggi la sicurezza non è totale. Oggi stiamo scendendo ma dovremo monitorare quello che accadrà all'interno delle scuole». 

Per quanto riguarda i vaccini, invece, pesa il ritardo della fornitura Pfizer e il taglio previsto del 29% delle forniture. «Abbiamo fatto un incontro con il governo per parlare di vaccini e la situazione è piena di punti di domanda. Io ho ribadito che il taglio del 29% sia orizzontale tra tutte le regioni, non può essere che il Veneto paghi con oltre il 50 per cento. Dobbiamo essere messi nelle condizioni di poter vaccinare, per adesso stiamo facendo solo i richiami. Al termine della prossima settimana la situazione dovrebbe essere riequilibrata con le forniture alle regioni, quindi poi dovremmo tornare a regime. Ma dobbiamo fare veloci, spero che Ema dia presto il via libera a AstraZeneca che ha detto che poter dare 8milioni di dosi in un trimestre; questo significa vaccinare in modo potente, coinvolgendo anche i medici di base e le farmacie per un vaccino che non ha problemi di contenimento e di logistica per il refrigeramento». 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ristrutturare

Tutte le informazioni sul Superbonus 110% infissi e finestre

Ristrutturare

Ristrutturare risparmiando il 90%: come ottenere il bonus facciata

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento