Giovedì, 23 Settembre 2021
Attualità

Il punto di Luca Zaia sul Coronavirus: «Usciamo da questo incubo con i vaccini, 200mila le dosi disponibili»

Lunedì 2 agosto il presidente della Regione aggiorna la popolazione sulla situazione relativa al Covid-19 in Veneto con i dati del bollettino di Azienda Zero. Aumentano i contagi, stabili i ricoveri. La novità della variante Beta

La situazione della pandemia in Veneto, aggiornata al primo agosto, è stata descritta questa mattina da Luca Zaia nell'appuntamento che si è svolto nella sede della protezione civile di Marghera. I dati della nuova ondata, dove ormai la variante Delta rappresenta la totalità, mostrano ancora un incremento dei casi risultati positivi al tampone ma la conferma della fase poco aggressiva dal punto di vista ospedaliero. «L'efficacia dei vaccini è confermata - ha sottolineato il presidente della regione - la caratteristica di questa ondata è che ha molti asintomatici». 

Nel dettaglio, sono stati 460 i nuovi contagi nelle ultime 24 ore, con 12.660 attualmente positivi (+460 rispetto a domenica). Per quanto riguarda le ospedalizzazioni, la situazione rimane invariata con 164 pazienti in Veneto per Covid, 145 dei quali in area non critica e 19 in terapia intensiva. «Il virus sta circolando, c'è una nuova variante che è la Beta che sembra di essere una novità sul panorama. Di certo è che le vaccinazioni sono fondamentali», ha aggiunto Zaia, ricordando che ci sono più di 200mila posti liberi per i vaccini, spalmati su tutte le Ulss, fino all'8 settembre.

L'appello del governatore ai cittadini è sempre quello alla vaccinazione: «Invito ad approfittarne adesso senza ritrovarsi con l'arrivo dell'autunno finisce che poi tutti vogliono fare il vaccino. La risposta anticorpale ha una risposta che dura 14 mesi. Gli anticorpi ti coprono fino a giugno del prossimo anno».

Per quanto riguarda la campagna vaccinale, attualmente in Veneto al 62,5% della popolazione totale è stata inoculata almeno una dose e il 53,7% ha effettuato il ciclo completo. «La previsione è di arrivare al 75,3% per l'8 settembre di persone che hanno avuto almeno una dose. Vogliamo arrivare all'81% a ottobre», ha concluso Zaia, specificando questa previsione nel dettaglio per classi di età:

Dai 12 ai 19 anni si prevede la vaccinazione del 49% della popolazione entro l'8 settembre, alla fascia dai 20 ai 29 anni, il 68%, a quella dai 30 ai 39 il 63%,  a quella dai 40 ai 49 anni il 68%, a quella dai 50 ai 59 anni il 77%, a quella dai 60 ai 69 anni l'86%, dai 70 ai 79 anni il 91% e agli over 89 il 99%. 

Scarica il bollettino

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il punto di Luca Zaia sul Coronavirus: «Usciamo da questo incubo con i vaccini, 200mila le dosi disponibili»

VicenzaToday è in caricamento