rotate-mobile
Attualità

Il Comune cerca 20 supplenti per le scuole dell'infanzia: "Inviateci le Mad"

Selmo: "La Messa a disposizione è l’unico strumento che abbiamo attualmente a disposizione per incrementare l’organico"

Nelle scuole dell’infanzia comunali sono almeno 20 gli insegnanti che mancano all’appello in vista dell’anno scolastico in partenza a settembre. Per far fronte a questa situazione, l'assessore all’istruzione Giovanni Selmo ha lanciato l’invito a diplomati, neolaureati e laureati nell’ambito della formazione e dell’educazione a fare domanda per la cosiddetta Mad, ovvero la messa a disposizione per lo svolgimento di supplenze a tempo determinato.

Si tratta dell’unica via percorribile in tempi brevi dall’Amministrazione, a fronte del blocco dei concorsi fino al 31 agosto determinato dal decreto legge emanato a sostegno dell’Emilia Romagna dopo l’alluvione e del quasi totale esaurimento delle graduatorie comunali in vigore.

“La carenza di insegnanti per le scuole dell’infanzia – spiega l’assessore all’istruzione Giovanni Selmo - è un problema a livello nazionale ed è un’urgenza che mi sono trovato ad affrontare appena insediato e alla quale siamo chiamati a dare una risposta il prima possibile. La mad è l’unico strumento che abbiamo attualmente a disposizione per incrementare l’organico, al fine di garantire a settembre il normale avvio delle nostre scuole e di dotarci anche di una riserva di insegnanti a cui attingere per la copertura delle supplenze in corso d’anno. Rivolgo quindi un appello a tutti gli aspiranti insegnanti, diplomati o laureati in discipline della formazione e dell’educazione: avete l’opportunità di mettere a frutto le vostre competenze professionali e umane nella più alta dimensione educativa, cioè a contatto con i nostri bambini e le nostre bambine che hanno bisogno di figure significative e motivate. Vi invitiamo quindi a presentare domanda per la messa a disposizione, certi che cogliate l’urgenza di questo appello e possiate avere un’opportunità di lavoro arricchente e stimolante, nell’interesse della crescita e del benessere dei nostri bambini”.

Rispetto ai 120 insegnanti necessari per le scuole dell’infanzia comunali, il Comune dispone di 76 insegnanti già assunti: la differenza, pari a 44 docenti, può essere coperta attingendo dalle graduatorie già approvate o dallo strumento della messa a disposizione. Anche così però si calcola una carenza di almeno 20 insegnanti.

Dalle attuali graduatorie in vigore, con circa128 iscritte, si stima infatti che soltanto 20 candidate daranno la disponibilità per gli incarichi temporanei. Nell’elenco della mad, composto da 66 istanze, attualmente si presume che saranno circa 13 le persone disponibili, iscritte però anche nelle graduatorie di scuole paritarie e statali, in genere più allettanti. Si avrebbero quindi 33 insegnanti a fronte delle 44 necessarie.

Vanno considerati anche gli insegnanti di sostegno. Ad oggi sono circa 30 quelli assunti nelle scuole dell’infanzia (compresi nel totale di 120 insegnanti). Un numero, come ogni anno, destinato ad aumentare almeno di qualche unità. Come di consueto, inoltre, si deve tener conto del passaggio a settembre di alcuni insegnanti alle scuole statali, che garantiscono condizioni contrattuali più appetibili. Si calcola così che per la partenza del nuovo anno scolastico nelle scuole dell’infanzia mancheranno una ventina di insegnanti.

Messa a disposizione

Per rendersi disponibili a svolgere le supplenze nelle scuole comunali tramite la Mad basta presentare domanda compilando il modulo disponibile nel sito del Comune.

Possono candidarsi i diplomati magistrali o al liceo socio-psicopedagogico entro l’anno scolastico 2001/2002, i laureati magistrali in Scienze della formazione primaria con indirizzo di insegnante di scuola infanzia o i laureati in Scienze della formazione o in Scienze dell’educazione a ciclo unico quadriennale. L’assunzione è possibile anche nel caso di alcuni titoli equivalenti e affini, indicati nel bando, tra i quali anche i laureandi del terzo, quarto o quinto anno di scienze della formazione primaria.

Le domande mandate prima del 4 ottobre 2022 non verranno considerate e dovranno essere inviate nuovamente.

Non c’è un termine per la raccolta delle domande. Le candidature andranno a formare l’elenco integrativo alla vigente graduatoria per l’assunzione a tempo determinato, che l’amministrazione potrà utilizzare anche in corso d’anno.

Maggiori informazioni sull’avviso pubblico della mad e sulle modalità per fare domanda: https://tinyurl.com/madvicenza

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune cerca 20 supplenti per le scuole dell'infanzia: "Inviateci le Mad"

VicenzaToday è in caricamento