menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ospedale chiuso per Coronavirus, il bambino nasce al pronto soccorso grazie all'ostetrica

Aveva fretta di venire al mondo, Federico, ma mamma e papà dovevano fare 35 chilometri e non c'era più tempo. Così sono tornati ad Asiago, dove è stata chiusa la maternità, e tutto è andato bene grazie alla grande professionalità dell'infermiera

Il flagello del Coronavirus ha fatto anche piazza pulita di molti ospedali locali dove i reparti sono stati ridotti all'osso, scarnificati a causa di scelte dettate dall'emergenza e secondo un programma di gestione Regionale criticato da molti. Uno di questi è il nosocomio di Asiago, punto di riferimento per gli abitanti dell'Altopiano che da qualche tempo devono scendere dalla montagna e recarsi al San Bassiano di Bassano del Grappa se necessitano di ricoveri urgenti e/o interventi. Tra i reparti in cui sono stati messi i sigilli anche la maternità. E così, nella mattinata di martedì, una coppia è partita d'urgenza in auto alla volta della pianura. Il bambino aveva iniziato a scalciare e il parto era imminente. 

Mamma e papà, durante il tragitto, si sono però resi conto che non sarebbero mai arrivati in tempo al San Bassiano. Il piccolo aveva troppa fretta di nascere e il parto sarebbe sicuramente avvenuto per strada, in auto. E così hanno fatto marcia indietro e sono tornati ad Asiago, nell'unico reparto rimasto aperto dell'ospedale dell'Altopiano, il pronto soccorso. Ad attendere la partoriente c'era Monica Gios, infermiera e ostetrica la quale, con  grande determinazione e professionalità ha subito affrontato l'emergenza, provvedendo a far nascere il bambino da sola, senza ginecologo e pediatra. 

Tutto è andato per il meglio e il piccolo Federico, nel rispetto totale dei protocolli di sicurezza, è venuto al mondo e sta benissimo. Monica ha poi accompagnato la mamma e il neonato in ambulanza all'ospedale di Bassano per il ricovero come previsto dall'emergenza sanitaria. Un grande gesto e di sicuro una grande lezione "in trincea" che sottolinea ancora una volta la necessità di tenere aperti i piccoli ospedali locali, quelli lontani dai numeri, dalle statistiche e, è il caso di dirlo , dai dirigenti della sanità della Regione Veneto. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Madame, la giovane di Creazzo stasera al Festival di Sanremo

Attualità

Lotto, raffica di vincite con la stessa combinazione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VicenzaToday è in caricamento