rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Attualità

Le avanguardie dell'adunata alpina

Chi sono quelli arrivati a Vicenza in largo anticipo sul fatidico 10/11/12 maggio?

Non c’è bisogno di aver fatto il servizio militare per capire che l’Adunata nazionale degli Alpini non si esaurisce nei tre giorni fatidici di inizio maggio. C’è un piccolo esercito di alpini, che si muove prima, anche molti giorni prima. Sono quelli che arrivano con giorni di anticipo, anche una settimana talvolta, con l’incarico di preparare il terreno a quelli che arriveranno poi per la grande kermesse. Francesco e Giovanni, quarantenni, sono sbarcati a Vicenza col loro camion in prestito, già il giovedì.

“Noi siamo abituati a non prenotare niente. Partiamo attrezzatissimi e contiamo sull’ospitalità della gente del posto. Il nostro automezzo è stato attrezzato da un amico mobiliare per far dormire 7/8 persone. Poi abbiamo costruito un gazebo che fungerà da sala mensa, con tavoli e panche e persino la doccia. Stiamo godendo dell’ospitalità di un distributore di carburante lungo la circonvallazione interna, che ci ha messo a disposizione una bella fetta del piazzale. Noi apparteniamo al Gruppo di Cologne-Brescia, in piena zona del Franciacorta. Un bel marchio di fabbrica, no? Non ci perdiamo mai questi appuntamenti. Tra l’altro mio padre – dice Francesco – è stato un parà alpino. Potrei mancare? Ci godiamo il week end e poi domenica sera smontiamo tutto per ripartire dopo la sfilata. Grazie, Vicenza!” Alessandro e Giampietro invece, che sono meno “bocia” fanno parte del Gruppo di Castelcucco-TV e si sono sistemati con gli amici in uno spazio verde nei pressi di Viale Mazzini: “Per me – precisa il primo – si tratta della 35° Adunata cui partecipo, mentre per Giampietro, vicecapo del Gruppo, si tratta della 15°. Siamo arrivati martedì e ci siamo sistemati qui col Gruppo di Noventa e di Castegnetto-CN. Vicentini, trevisani e piemontesi tutti assieme: è questa una delle grandi forze del raduno. Mercoledì e giovedì, pian piano, sono arrivati tutti e ora siamo circa una novantina. Abbiamo montato le strutture e ora siamo del tutto operativi. La città ci ha accolti bene. Pensate che stamattina una vecchietta è venuta qui e voleva darci 5 euro per contribuire alle spese e ringraziarci per la presenza. Se dovessi fare una classifica delle Adunate che ho visto, metterei in testa Bari, Catania e Genova, che ci hanno abbracciato con un calore incredibile. In fondo alla lista, secondo me, Milano, che è stata deludente sotto tutti i punti di vista e anche Asiago, male organizzata, forse per le dimensioni. Ultima cosa: nelle nostre fila e nelle strade qui attorno ci sono un sacco di giovani, maschi e femmine, che trovano il tempo per un bicchiere e una cantata. Grazie anche alle scuole con i loro insegnanti, che dimostrano di capire il senso dell’alpinità”.

Ma non ci sono solo le penne nere a fare da scout alla vigilia dello sfilamento. Tra le organizzazioni più attive nella fase preparatoria, un posto d’onore spetta alla Protezione Civile. Abbiamo incontrato in Campo Marzio Roberto Beltrame, vice coordinatore del Terzo Raggruppamento (Veneto, Friuli e Trentino), specialità Sommozzatori e Soccorso Fluviale. “Siamo qui da diversi giorni e abbiamo subito implementato gruppi i elettrogeni, gli attendamenti, la logistica ecc. La Protezione civile si articola in diversi settori, tra cui Alpinistico, Incendi boschivi, idrogeologico, cinofilo, droni, sanità, informatica ecc. Siamo operativi 24 ore su 24 e capaci di attivarci in poche ore, soprattutto in caso di calamità. Se venite a trovarci potrete vedere i nostri mezzi anfibi, le imbarcazioni e tutta la dotazione tecnologica.”

C’è un esercito di volontari, dunque, dietro alla Festa delle Penne Nere. Senza dimenticare gli uomini delle Forze Armate, che hanno realizzato in Campo Marzo la Cittadella dell’Esercito. Dove con una bella passeggiata potrete salire su un elicottero o su un blindato, oppure visitare il Museo degli Alpini e le varie esposizioni. C’è da passare una giornata diversa dal solito, con i bambini al seguito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le avanguardie dell'adunata alpina

VicenzaToday è in caricamento