Animali

Bocconi avvelenati per cani: come riconoscerli e cosa fare

Workshop sulle tecniche per evitare che i nostri amici a 4 zampe possano ingerire pericolose esche

Sotto il motto "questo cane non sta dormendo" alla Scuola Cinofila Lupi di Longare venerdì 1 ottobre 2021 saranno ospiti Ivan Schmidt (Svizzera/Italia) Virginia Ancona (Italia) istruttori noti nel panorama internazionale della cinofilia, dove terranno la seconda edizione del Workshop sull’indifferenza e rifiuto alle esche e bocconi avvelenati (Progetto Ireba-19) che darà la possibilità a proprietari di cani, dopo un’introduzione teorica di apprendere le tecniche di indifferenza e rifiuto di esche e bocconi avvelenati, diminuendo il rischio di assunzione e salvando la vita al proprio animale.

Schmidt – preso atto della crescente emergenza sul territorio nazionale dei ferimenti/infortuni e decessi legati all’assunzione di bocconi avvelenati o esche (80.000 avvelenamenti l’anno sul suolo nazionale) insieme a Virginia Ancona, hanno deciso di organizzare e mettere a disposizione della popolazione le competenze professionali per insegnare le tecniche di prevenzione, indifferenza e rifiuto alle esche e bocconi avvelenati. A livello teorico sarà svolta anche un’ampia parte dedicata alla prevenzione, al senso civico, al decoro. Le tecniche collaudate e in costante aggiornamento basate sul rinforzo positivo, hanno permesso di salvare molte vite di cani."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bocconi avvelenati per cani: come riconoscerli e cosa fare

VicenzaToday è in caricamento