Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Il Caracol «non si fa intimidire»

Teo Molin Fop spiega i dettagli della aggressione patita dal centro per il volontariato di via Crispi

 

Teo Molin Fop alle telecamere di Vicenzatoday.it descrive «come aggressione di stampo fascista» l'azione vandalica, al momento ad opera di ignoti, di cui è stata bersaglio la sede centro per il volontariato Caracol di via Crispi nel capoluogo berico. Azione che peraltro ora è al vaglio della Digos non solo perché l'episodio è stato formamente denunziato alla questura di Vicenza, ma anche perché il Caracol Olol Jackson ospita anche la sede di un sindacato di base ossia l'Adl Cobas. Per Molin Fop, uno dei volti più noti del Caracol, il gesto va comunque collocato all'interno di un clima particolare che in città si è venuto a creare a causa della rimozione della cosidetta clausola antifascista dal regolamento municipale per la concessione degli spazi urbani per le manifestazioni pubbliche.

Potrebbe Interessarti

Torna su
VicenzaToday è in caricamento