Vicenza-Cagliari, alla scoperta della squadra di Rastelli

Il 4-3-1-2 è il sistema di gioco principale del Cagliari di Rastelli ed i giocatori chiave in fase offensiva sono Joao Pedro e Farias

Massimo Rastelli, allenatore del Cagliari (Fonte: Serie B)

Vicenza-Cagliari, ventesima contro seconda in classifica. Tra i biancorossi ed i rossoblù ci sono ben 31 punti di differenza, uno scarto che fa realmente capire quali sono i valori tecnici delle due squadre. L’incontro tra vicentini e cagliaritani, valevole per la trentaduesima giornata di Serie B, vedrà in azione il neo tecnico dei biancorossi, Franco Lerda, e l’allenatore del Cagliari, Massimo Rastelli. Se si andasse ad analizzare tale incontro solo sul piano tecnico, emergerebbe subito che la squadra sarda parte da favorita.

Ci sono però due fattori fondamentali da considerare: il primo è che, un nuovo allenatore quasi sempre porta nuova linfa ed un nuovo spirito combattivo, ed è proprio per questo motivo che non è escluso che invece possa esser il Vicenza ad avere la meglio nel match di sabato; in secondo luogo, nelle ultime quattro partite, i rossoblù hanno conquistato soltanto 1 punto, perdendo così il primo posto in classifica a favore del Crotone.

Joao Pedro-2Ma chi è realmente il Cagliari di Rastelli? Con quel modulo gioco? Quali sono i giocatori chiave da tenere sotto controllo? Tutte domande importanti e a cui va data una risposta che consenta al tifoso del Vicenza di comprendere al meglio la prossima avversari dei biancorossi. 

LE STATISTICHE  Dopo trentuno giornate di campionato, il Cagliari si ritrova al secondo posto in classifica con 62 punti, grazie a 19 vittorie, 5 pareggi e 7 sconfitte.  Con 54 reti al suo attivo, è il miglior attacco del campionato cadetto mentre, con 31 gol a suo passivo, è la quinta difesa della Serie B. La miglior vittoria casalinga, risale alla prima giornata contro il Crotone (4 -0). La miglior vittoria esterna invece è arrivata alla 13 esima giornata contro lo Spezia (0-3). La peggior sconfitta tra le mura amiche, è arrivata alla 31 esima giornata contro il Perugia (0-2) mentre la peggior sconfitta lontano dal ‘Sant’Elia’ in casa del Brescia alla 15 esima giornata (4-0). Fino alla 27 esima giornata di Serie B, il Cagliari di Rastelli è sempre riuscito a mantenere una continuità di risultati e, anche quando si registrava una sconfitta, subito dopo arrivava una vittoria. Dalla 28 esima alla 31 esima giornata invece, i rossoblù hanno dato vita ad una mini serie negativa di 4 partite, dove hanno raccolto soltanto 1 punto (2 a 2 in casa del Trapani nella 30 esima giornata).

LA TATTICA  Il sistema di gioco utilizzato dal Cagliari di Massimo Rastelli è il 4-3-1-2. Solo in due occasioni i sardi sono scesi in campo con un diverso sistema di gioco: all’ottava giornata, in casa del Novara, i rossoblù utilizzarono un 4-4-2 mentre, nella trentesima giornata di Serie B, contro il Trapani di Cosmi, giocarono con un 3-5-2. In entrambe le partite però, Rastelli non è riuscito ad ottenere l’intera posta in palio. Infatti, al ‘Silvio Piola’ ha perso per 1 a 0 mentre, in Sicilia ha rimediato solo un pareggio (2 a 2).Farias-2

A prescindere dal sistema di gioco utilizzato, gli uomini cardini dell’ex tecnico dell’Avellino, soprattutto in centrocampo ed in attacco sono: Joao Pedro e Farias. Questi due calciatori, soprattutto in caso di assenza di Di Gennaro a centrocampo, hanno ricoperto, sia il ruolo di interni di centrocampo, sia di esterni (quando col Novara si è optato per il 4-4-2) che come trequartisti nel 4-3-1-2.

L’impiego di uno tra Joao Pedero e Farias tra i tre centrocampisti, in caso di assenza di giocatori come Di Gennaro e Munari, serve a Rastelli per dare una maggiore fluidità e velocità alla fase di costruzione. In attacco, l’ex attaccante dell’Avellino ha fatto ruotare Melchiorri, Giannetti, Sau e Farias. Proprio la duttilità tattica di Farias, ha permesso al Cagliari di rendersi maggiormente pericoloso in fase di costruzione. La sua velocità e la capacità di saper scegliere i giusti tempi d’inserimento in area di rigore, ha consentito all’attaccante brasiliano di segnare finora 12 reti. Altrettanto importante per il gioco del Cagliari, è l’ex punta del Pescara, Federico Melchiorri che, con il suo fisico riesce a protegger palla e far salire la squadra. Nonostante questo gravoso compito, il numero nove rossoblù ha segnato finora 7 reti.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ora solare 2019: conto alla rovescia per il cambio dell'ora (e presto ci saranno novità)

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie»

  • Tamponamento tra mezzi pesanti in A4: muore camionista vicentino

  • Precipita dalla ferrata: gravissimo 28enne

  • Scomparso sul Pasubio: trovato il corpo in un dirupo

  • Si allontana dalla comitiva durante l'uscita sulla Strada delle 52 gallerie: scatta l'allarme

Torna su
VicenzaToday è in caricamento