Il Vicenza entra in campo nel secondo tempo ed evita il baratro: 2 a 1

E' un Vicenza a metà quello visto in campo oggi. Nel primo tempo la sqaudra di Gigi Cagni rimane vittima di una "crisi di nervi" e i bergamanschi vanno a riposo in vantaggio. Poi Paolucci ed Abbruscato rimediano

Un Vicenza a due facce, come quello visto a Padova, riesce ad avere ragione dell'Albinoleffe nel secondo tempo, grazie alle reti di Paolucci ed Abbruscato. Dopo un primo tempo  che non può che essere definito "inguardabile", con la la squadra bergamasca che va a riposo in vantaggio, i biancorossi riescono ad avere ragione del campo nella seconda frazione, nonostante l'inferiorità numerica. ll capitano Zanchi, infatti, aveva dato sfogo al pessimo stato d'animo della squadra  con un'entrata "assassina" su Girasole che gli è costata l'espulsione, con tanto di fascia gettetata a terra al momento dell'uscita dal campo.

Ma andiamo con ordine. Gigi Cagni schiera Frison, Martinelli, Zanchi, Bastrini, Giani, Gavazzi, Rossi, Botta, Alemao, Paolucci e Abbruscato: confermato quindi il cambio di modulo, 4-4-2, provato nell'amichevole con la Nove Thiene. Daniele Fortunato risponde con Offredi, Luoni, Lebran, Bergamelli, Piccinni, Laner, Previtali, Girasole, Pacilli, Germinale, Cristiano, confermando il consueto 4-3-3 nonostante le pesanti assenze. Dopo un primo quartod'ora di gioco dal ritmo piuttosto blando, i biancoazzorri, in maglia da trasferta blù, trovano un varco nella difesa del Vicenza e vanno a segno con Laner. Inspiegabilmente i biancorossi non reagiscono, se non rimanendo preda di una crisi di nervi collettiva. Infatti, mentre i bergamaschi fanno girare la palla manco fossero il Barcellona, al 37esimo viene ammonito Gavazzi per un gesto di stizza e tre minuti dopo il capitano si lancia in scivolata su Girasole, rimediando un sacrosanto cartellino rosso.

I biancorossi vanno negli spogliatoi tra i fischi della Sud, rimasta a lungo ammutolita dalla pessima prestazione della squadra. Cosa sia accaduto poi negli spogliatoi non ci è, al momento, dato di sapere, ma quel che è certo è che sende in campo il Vicenza in grado di mettere in difficoltà la seconda in classifica sabato scorso. A sbloccare definitivamente l'11 di Cagni è il gol di Paolucci dopo 5 minuti, che non spreca la pennellata che gli offre Gavazzi. Poi, al 18esimo arriva la tanto attesa zampata del bomber Abbruscato, propiziata da uno scambio Gavazzi-Soligo, appena entrato al posto di Rossi, che la butta in mezzo all'area avversaria. L'ultima mezzora, visti i consueti tracolli della difesa biancorossa nei minuti finali è a "chiappe strette", con l'Albinoleffe costantemente alla caccia del pareggio. Ma questa volta è andata bene.

Una vittoria importante per il Vicenza, che prosegue, soffrendo, la sua difficile scalata dal fondo classifica. Ora è terzultimo a 10 punti, appaiato proprio con l'Albinoleffe e con la prossima avversaria Juve Stabia. L'incontro è programmato per martedì sera al Menti di... Castellamare di Stabia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attenzione anche a Vicenza: come si riconosce il coronavirus

  • Coronavirus, caso sospetto nel Vicentino: potrebbe essere il "paziente zero"

  • Il cane defeca per strada, anziano raccoglie la cacca e la spalma in faccia a un ragazzino

  • Coronavirus: sei tamponi nel Vicentino, San Bortolo sommerso dalle telefonate

  • Coronavirus, massima allerta in Veneto: «Pronti a misure drastiche»

  • COVID-19, tutti negativi i tamponi nel Vicentino: 32 i contagiati in Veneto. Sesto morto in Italia

Torna su
VicenzaToday è in caricamento