Colella dal predellino: «Obiettivo play off: poi si vedrà»

Il mister alla viglia dell'incontro contro il Teramo, al Bonolis

Giovanni Colella, sul predellino del pullman in partenza per l’Abruzzo, è ben conscio dell’importanza della trasferta in atto:

“Di qui in poi le partite saranno tutte difficili, inutile far classifiche di delicatezza, e domani conterà molto anche il fattore campo. Il terreno di Teramo è molto particolare: un sintetico di vecchia generazione che potrà creare qualche insidia in più, specie in caso di pioggia. Loro poi sono una squadra molto attrezzata fisicamente che, se ricordo bene, ha uno dei migliori tabellini del girone di ritorno. Però non va dimenticato che stanno quattro punti dietro di noi e questo deve pur significare qualcosa: l’obiettivo è, naturalmente, tenerli a distanza.

Abbiamo passato una buona settimana di lavoro, nella quale ho visto bene la squadra, con la luce giusta negli occhi, quella stessa che abbiamo avuto nel primo tempo con la Ternana. Poi siamo andati un po’ in tilt, tuttavia la condizione mentale non è una cosa che va e viene: o ce l’hai oppure non ce l’hai. Noi ce l’abbiamo, l’importante è tenerla per 90 minuti e non smarrirla strada facendo.

Per quanto riguarda la formazione ho ancora dubbi sullo stato fisico di alcuni elementi. Pasini probabilmente non ci sarà, perché merita un turno di riposo dopo aver tirato la carretta. Davide Bianchi ha accusato una contrattura al quadricipite e non so se sarà della partita, intanto è in preallarme Salviato. Giacomelli me lo porto dietro e valuterò domani le sue condizioni. Diciamo però che in generale li ho tutti pronti a dare una mano.

Personalmente ho apprezzato il richiamo del presidente Rosso all’unità di intenti, anche se va detto che a noi come gruppo è un collante che non è mai mancato. Ora serve affrontare ogni gara senza pensare né al prima né al dopo e tenendo presente che, una volta raggiunto l’obiettivo play off, c’è un’appendice difficilissima da affrontare, con appuntamenti molto ravvicinati. Dobbiamo entrare nella griglia degli spareggi ma dobbiamo anche affrontare la coda di partite nelle condizioni ottimali. E non è affatto detto che tutti arrivino al raggruppamento conclusivo nella migliore situazione psicofisica: i play off” costituiscono un campionato a sé…”

Potrebbe interessarti

  • Il buon giorno inizia con una buona colazione: scopri le top 4 pasticcerie di Vicenza

  • Lo zenzero fa male? I casi in cui è meglio evitarlo

  • Come igienizzare i bidoni della spazzatura: è necessario farlo spesso con il caldo

  • Basta pancia gonfia! Un problema inestetico e di salute: scopri come risolverlo

I più letti della settimana

  • Superenalotto, la dea bendata premia il Veneto: puntata vincente nel Vicentino

  • Incidente in piscina, la 12enne non ce l'ha fatta

  • Cade nel fiume e muore annegato: inutile la "catena" dei passanti

  • Maltempo in arrivo, scatta l'allerta in Veneto

  • Auto fuori controllo abbatte il cancello di Villa Da Porto Casarotto: ferito il conducente

  • Sorpasso tir in A4: tolta definitivamente la revoca

Torna su
VicenzaToday è in caricamento