Südtirol - LR Vicenza: le pagelle di Alberto Belloni

I migliori e i peggiori del pareggio al Druso

La squadra saluta i tifosi

Le pagelle al termine di Südtirol - LR Vicenza

LANE BUM BUM MA POI IL SOLITO HARAKIRI

Un’ora di predominio poi quattro minuti da incubo. E si rischia di perdere. Positiva la gara di Cinelli e di Curcio. Inguardabili Salviato e Arma.

GRANDI 6: assiste alla prima parte di gara praticamente da spettatore non pagante, salvo qualche uscita sui palloni alti. Sui due gol subìti c’è poco da rimproverargli, perché il suicidio avviene lontano dai suoi pali.

STEVANIN.5,5: nei primi 10’ di partita sembra che Tait possa bissare le scorribande che avevano caratterizzato il match di andata. Fortunatamente il biondo esterno perde l’estro strada facendo e non fa grandi danni fino al cambio. Poi arriva Lunetta e son subito guai…

MANTOVANI 6: puntuale negli interventi difensivi, impreziosisce l’approccio con il match con un colpo di testa su corner, perfetto nell’esecuzione ma facilitato dalla dormita collettiva della difesa tirolese. Nel secondo tempo sbaglia un paio di disimpegni, rischiando qualcosa. Colpevole, anche se non l’unico, sul primo gol.

PASINI 6+: nel primo tempo fa il suo, complice l’atteggiamento morbido degli attaccanti di Zanetti. Quando il Vicenza va in sofferenza, anche lui arranca ma tutto sommato al centro si riesce anche a contenere. E’ dalle fasce che il SudTirol si fa carognoso.

SALVIATO 4,5: è sulla sua fascia che i padroni di casa combinano quel poco di buono che è loro consentito. In particolare al 27’ Fabbri si incunea con pericolosità e tira sull’esterno della rete dando al pubblico l’impressione del gol. Col passare del tempo la sua fascia diventa terra di conquista, soprattutto per Turchetta, che ad un certo punto sembra Cristiano Ronaldo. Il mister giustamente lo fa uscire, ma ormai è tardi…

BONETTO n.g.: entra per migliorare la copertura ma non se ne accorge nessuno

N. BIANCHI 6: si dà parecchio da fare in fase di raccordo e non disdegna anche qualche puntata in avanti. Per lui anche un tiro da lontano al 28’, parato da Nardi. Tutto sommato il centrocampo berico regge il confronto con gli avversari. Non è lì che il Lane sciupa una vittoria quasi nel sacco.

LAURENTI n.g.: un ingresso buono solo per le statistiche.

CINELLI 6,5: un rientro positivo, segno che il mister ha atteso il momento giusto per proporre il forte centrocampista ex Cremonese. Geometrico quanto serve, mostra un ottimo senso della posizione e va anche due o tre volte alla conclusione personale. Quando esce, la squadra perde discernimento.

ZONTA n.g.: il suo ingresso cambia poco o nulla

BOVO 6-: una partita piuttosto anonima, nella quale mostra un certo ordine e un buon senso della posizione, ma non trova mai acuti, né illuminazioni che possano cambiare il volto della partita. La sua non è una partita negativa, ma certo è il meno ispirato dei tre di centrocampo.

CURCIO 6+: meglio nel primo tempo, quando cava fuori dal cilindro anche un paio di pezzi di alta scuola, contribuendo a disinnescare sul nascere i tentativi non irresistibili dei padroni di casa. Si vede meno nella seconda parte di gara, soprattutto dopo la doppia frittata. Servirebbe qualche numero a sorpresa, ma anche il suo copione è di ordinaria amministrazione.

GUERRA 5,5: una gara ancora opaca fino al gol del raddoppio, nel quale mostra velocità ed intuito, concludendo freddamente alle spalle di Nardi. Importante che sia tornato a segnare, ma la sua prova complessivamente è volonterosa ma ancora non adeguata alle potenzialità del capocannoniere 2017/2018.

GACOMELLI n.g.: entrata per onor di firma, senza incidere

ARMA 4,5: non ci siamo proprio. Come già successo l’anno passato con la maglia alabardata, il giocatore di questo girone di ritorno è solo la copia sbiadita del bomber visto all’andata. Lento, prevedibile, macchinoso, in questo momento perde anche molti contrasti aerei, che dovrebbero essere un suo punto di forza. Da salvare solo l’assist con cui manda in porta il compagno in occasione del 2-0.

MAISTRELLO n.g.: anche in questo caso, pochi palloni toccati e nessuno interessante

Mister COLELLA

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vittorio Brumotti aggredito in Campo Marzo: preso a sassate durante le riprese

  • Ora solare 2019: conto alla rovescia per il cambio dell'ora (e presto ci saranno novità)

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie»

  • Tamponamento tra mezzi pesanti in A4: muore camionista vicentino

  • Precipita dalla ferrata: gravissimo 28enne

  • Si allontana dalla comitiva durante l'uscita sulla Strada delle 52 gallerie: scatta l'allarme

Torna su
VicenzaToday è in caricamento