Campionato serie C: fissata data di inizio ma partenza è a rischio

Il Consiglio Direttivo della Lega Pro ha annunciato con un comunicato ufficiale l'inizio del campionato alla prima domenica di settembre ma sottolinea: "L’assemblea sarà chiamata ad esprimersi se iniziare o meno"

Allarme rosso e sconto ad altissimi livelli in una serie C ormai alla paralisi. Il campionato, che sarebbe dovuto partire ad agosto rischia addirittura di non iniziare. Lo ribadisce un comunicato del Consiglio Direttivo della Federazione che ha stabilito la data di inizio alla prima settimana di settembre. La decisione se farlo partire è però rimandata al 22 agosto quando ci sarà la definizione dei calendari e l'assemblea. 

Il comunicato del Consiglio Direttivo dopo la riunione di lunedì, 

Il Consiglio Direttivo della Lega Pro, riunitosi a Firenze, ha preso atto dell’attuale situazione sulla base delle ammissioni decise dal Commissario Straordinario della F.I.G.C. delle Società Cavese, Imolese, e Juventus U23 al Campionato di Serie C e si è provveduto all’integrazione dei gironi A-B-C- e alla sentenza del Tribunale Federale Nazionale che ha ritenuto ripescabili i Club di Catania, Novara, Robur Siena e ha formulato l’ipotesi di formazione dei Gironi di Lega Pro.

Il Consiglio Direttivo ha deciso, al momento, di posticipare l’inizio del Campionato alla prima domenica di settembre e di indire per mercoledì 22 agosto 2018 a Roma la definizione dei calendari per il Campionato 2018 -2019. Nella stessa giornata è stata convocata l’assemblea dei Club che deciderà sulla base di alcuni temi: a) le decisioni tecnico-sportive; b) le risorse a partire da quelle provenienti dai diritti TV della ex Legge Melandri; c) le norme relative alle Licenze Nazionali che salvaguardino la competizione sportiva. L’assemblea sarà chiamata ad esprimersi se iniziare o meno il Campionato 2018 -2019“.

Siamo in un clima di totale incertezza e precarietà nel calcio italiano il quale ha l’esigenza che si convochi l’assemblea elettiva per dar vita ad una nuova governance che superi il regime commissariale per un governo della FIGC capace di traghettare verso una stagione di riforme non più rimandabile:

• ci vuole un sistema di regole che consentano di dare certezza e di avere rispetto per chi investe nel calcio;
• occorre avere risorse dai diritti TV della ex Melandri, in rispetto dei principi sanciti dalla legge;
• una riforma dei campionati e di una “sostenibilità” sostanziale e non di facciata o basata su semplici annunci propagandistici”.

Potrebbe interessarti

  • Scutigera: quante ne avete in casa? Sono da non uccidere!

  • Cerchi di rimanere incinta? Il primo passo è l'alimentazione

  • La sabbia è difficile da eliminare: ecco tutti i trucchi per liberarsene

  • Sembra banale ma lavarsi le mani è fondamentale: ecco come farlo

I più letti della settimana

  • Scutigera: quante ne avete in casa? Sono da non uccidere!

  • Aereo si schianta sugli alberi:due feriti gravi

  • Giovane tenta il suicidio dandosi fuoco nell'auto: il gesto estremo di una 26enne

  • Schianto auto-moto: muore 43enne, grave la fidanzata

  • Furia violenta alla vista della ex: auto contro l'entrata del pub

  • Cade da un albero e batte la testa: 44enne in rianimazione

Torna su
VicenzaToday è in caricamento