Lega Pro, Cristiana Capotondi vice di Ghirelli: "Una serie C romantica e pragmatica"

L'attrice condivide la poltrona di numero due con l'avvocato Jacopo Tognon. Il suo "manifesto" su Instagram

Cristiana Capotondi @ TM News Infophoto da Today.it

Scelgo di essere romantica ma pragmatica perchè non è concessa alcuna forma di romanticismo senza pragmatismo, ed è così che vorrei fosse la Lega Pro, che diventasse grande grazie al nostro romanticismo pragmatico

Così l'attrice Cristiana Capotondi dopo la sua nomina ufficiale a vice presidente della Lega Pro, avvenuta ieri, martedì 6, al termine di una infuocata assemblea che ha visto l'elezione di Francesco Ghirelli con 48 voti su 56 presenti. A condividere il ruolo con la protagonista di "Di padre in figlia", girato nel Vicentino, sarà l'avvocato  Jacopo Tognon

Questo il lungo post, un vero e proprio "manifesto": 

Sono un’appassionata di calcio, cresciuta con un nonno accompagnatore della Roma, che mi ha trasferito questa passione come sua eredità: oggi parte della felicità per questo incarico, devo condividerla con lui. Entro in Lega Pro come Vice Presidente con la voglia di definire presto il mio ruolo in campo nella Lega dei Comuni d’Italia: 59 squadre, 3 gironi, migliaia di professionisti, 8 milioni di tifosi da nord a sud, con tutte le diversità culturali che compongono il nostro Paese e lo rendono il più bello del mondo.

Ho intenzione di occuparmi maggiormente del rapporto con la scuola, affinché i giocatori possano studiare, il dedicarsi ad un’attività professionistica non deve significare lacune formative. La Lega Pro ha tra i suoi obbiettivi abbassare l’età media dei club, per diventare vero e proprio vivaio delle serie maggiori, investire sull’istruzione è un imperativo.

La pedagogia del calcio mio nonno la sintetizzava così: le persone le capisci dal modo in cui si muovono in campo. Ma, correggendo i difetti di gioco si possono correggere limiti caratteriali evolvendo la persona. Ciò che fai in campo si riflette nella vita. Questo mi piace del calcio: come tutti gli sport è metafora della vita ma più degli altri, incarna grandi valori dentro una contraddittoria complessità. Il calcio è un bambino che gioca con un barattolo, un padre che porta il figlio allo stadio, ma è anche un luogo dove girano tanti soldi e tanta energia umana ed è inevitabile che si creino dinamiche torbide come quelle che, di tanto in tanto, scoperchiamo.

Ma la verità è che il calcio è lo sport più bello del mondo per questo, perchè ci obbliga a fare i conti con tutto, con il bene e con il male e ci obbliga ogni istante a decidere con che come chiamarlo. Personalmente io scelgo il romanticismo che il calcio porta con sé e non perchè sono donna. Scelgo di essere romantica ma pragmatica perchè non è concessa alcuna forma di romanticismo senza pragmatismo, ed è così che vorrei fosse la Lega Pro, che diventasse grande grazie al nostro romanticismo pragmatico. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    La fuga di Angelica: «Io lo amo», Tarek indagato per sottrazione di minore

  • Cronaca

    Inaugurazione IperTosano a Costabissara: code fuori e traffico in tilt

  • Economia

    Montante, Zonin, Banca Nuova, personaggi in divisa, servizi segreti: troppi silenzi

  • Cronaca

    In casa piccola centrale per lo spaccio: arrestato nigeriano

I più letti della settimana

  • Aggredito in pieno centro: è gravissimo

  • Espulso ma l'aereo si rompe: fugge con 17enne

  • LR Vicenza - Sambenedettese: 1-0, Giacomelli

  • Il trattore si ribalta: 46enne muore schiacciato

  • Inaugurazione IperTosano a Costabissara: code fuori e traffico in tilt

  • Frontale tra auto: grave una donna che rientrava dal lavoro

Torna su
VicenzaToday è in caricamento