Schio capitale del ciclocross: De Pretto profeta in patria, il tricolore junior è suo

Tre giorni di gare, dagli amatori agli agonisti, un campionato molto sentito e ricco di emozioni. La cronaca del fine settimana che ha visto il territorio scledense cornice d'eccezione della prova valida per l'assegnazione del titolo nazionale di categoria

Davide De Pretto tricolore (foto Alessandro Billiani)

Con gli Amatori di fascia 3 venerdì è iniziato il Campionato Italiano di ciclocross che nella tre giorni di gare ha visto complessivamente la presenza di 995 atleti FCI a contendersi le 27 maglie in palio. Sono invece 315 i gruppi sportivi accreditati provenienti da tutte le Regioni.

Il Gruppo Sportivo Schio Bike Asd presieduto da Edoardo Sandri, ha predisposto un circuito tecnico di 2720 metri adatto ai corridori potenti e che sanno condurre il mezzo meccanico con adronanza, pertanto su un percorso come questo, questo tipo di atleta sarà favorito. Insidie e incidenti a parte! E’ un percorso che non permette distrazioni e che è stato apprezzato da chi ha gareggiato oggi. Nelle 13 categorie in gara si sono presentati al via 242 amatori.

Nella seconda giornata si sono confrontati i giovani del ciclocross e la presenza di 537 ragazzini/e in rappresentanza di 161 società, ha entusiasmato il numeroso pubblico presente che ha incitato i propri beniamini. Anche per i giovani il percorso si è dimostrato selettivo e ancor più si è visto il divario tra i più  avvezzi e i meno preparati. Per tutti comunque è stata una festa la partecipazione in questo Campionato Italiano con i giovani che si sono fatti un’esperienza sportiva importante per la loro crescita a tutto tondo.

Anche un pubblico numeroso ha seguito con interesse le gare ed apprezzato gli sforzi organizzativi del Gruppo Sportivo Schio Bike Asd. Nel festival dei giovani in cerca di un futuro sportivo al di fuori dei pericoli della strada, si sono presentati anche numerosi dirigenti federali con in testa il Presidente Nazionale Renato di Rocco accompagnato dal consigliere federale Bruno Battistella, e dal Commissario Tecnico del settore Fausto Scotti.

In loco anche  il presidente Regionale Igino Michieletto, il presidente FCI di Vicenza Luigi Comacchio, il responsabile regionale del fuoristrada Devis Tosin e per la struttura triveneta strada Francesco Cecchin. Gradita  anche la presenza dell’Olimpionica, la veronese Paola Pezzo. Per l’Amministrazione comunale locale ha premiato anche l’Assessore allo sport di Schio Aldo Munarini accompagnato da una delegazione.

La terza ed ultima giornata dei Campionati italiani di ciclocross ha visto gli agonisti affrontarsi a viso aperto nella gara che vale una stagione. Davanti ad un pubblico delle grandi occasioni e su un tracciato spettacolare i biker più esperti hanno dato vita a quattro gare entusiasmanti in cui sono emersi gli atleti più in forma.

E’ stata una manifestazione seguitissima e baciata dal sole con le Autorità sportive e civili che hanno apprezzato l’impegno organizzativo del Gruppo sportivo Schio Bike Asd che alla fine ha ricevuto i complimenti da più parti. E’ stato un campionato italiano all’altezza della richiesta del movimento. Con queste ultime sei maglie (delle 27 complessivamente in palio) si conclude la rassegna tricolore del ciclocross 2020 griffata Schio Bike Asd che ha visto numeri record per quanto riguarda la partecipazione del esordienti e degli allievi (242) con 316 società presenti.

Un tricolore baciato dal sole che ha visto i dirigenti del Gruppo sportivo Schio Bike Asd superare ampiamente l’esame sotto l’aspetto organizzativo, logistico con una proposta ed un percorso di gara ampiamente apprezzato dal movimento del ciclocross intero, un movimento in crescita che fa ben sperare per il futuro di questo spettacolare ed impegnativo sport. “Ringrazio di cuore chi ha creduto a questo progetto che siamo riusciti a concretizzare grazie alla disponibilità dell’Amministrazione comunale, di qualche sponsor ma soprattutto dalla generosità del mondo delle Associazioni di volontariato che ci hanno supportato in questi tre giorni di gara. 

Nella gara regina riservata agli Elite, protagonista in campo maschile è stato Jakob Dorigoni ( Selle Italia Guerciotti Elite) che ha battuto Gioele Bertolini (Centro sportivo Eservito) e Nicolas Samparisi ( El Ktm Alchemist). Nel femminile, campionessa italiana è Eva Lechnr (Centro sportivo esercito), argento ad Alice Maria Arzuffi (G.s. Fiamme Oro), bronzo ad Alessia Bulleri (De Merida Italia team).

Il titolo Under23 maschile è andato ad Antonio Folcarelli (Race mountain Folcarelli team) che si è imposto su Davide Toneatti (Asd Dp66 Giant Smp) e Marco Pavan (D'Amico Um Tools). In campo femminile la leader italiana è Francesca Baroni (Baroni Du Selle Italia Guerciotti Elite) che ha avuto la meglio su Sara Casasola (Asd Dp66 Giant Smp) e Gaia Realini (Du Vallerbike).

Il titolo più atteso è andato al vicentino Davide De Pretto ch si è laureato Campione italiano nella categoria junior battendo Lorenzo Masciarelli (Ju team Callant) ed Etttore Loconsolo). Al femminile, il titolo junior è andato a Lucia Bramati (Asd Team Bramati) che si è imposta su Carlotta Borello (G.s Cicli Fiorin Cycling team) e Nicole Pesse (Asd Dp66 Giant Smp).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore dopo il lavoro: muore barista 46enne

  • La Putana, storia del dolce tipico vicentino

  • Il grande freddo,13 gennaio 1985 iniziò la nevicata del secolo

  • Schianto tra auto e furgoncino all'ora di pranzo: conducente incastrato tra le lamiere

  • Infarto al miocardio: come riconoscerlo

  • L'influenza è arrivata, tantissimi casi nel vicentino. Come prevenirla

Torna su
VicenzaToday è in caricamento