Calciomercato Vicenza: il giorno di Adejo, restano i nodi Pozzi e Manfredini

La nuova dirigenza ha subito sottolineato che, dal primo luglio, conterà costruire una squadra con l'obiettivo di una tranquilla salvezza quanto quello di monetizzare il più possibile. Molti i giocatori in partenza, mentre è complicata la rescissione con Manfredini e Pozzi, che hanno gli ingaggi più elevati

Innovazione, progettualità a lungo termine e, nell'immediato, monetizzazione. Sono queste le parole chiave che guideranno il mercato del Vicenza Calcio dal 1° luglio ed è facile pevedere che la rosa che ha conquistato la salvezza 2015/16 verrà quasi completamente rivoluzionata. Mercoledì è previsto in via Schio l'incontro con il difensore Daniel Adejo, arrivato a febbraio svincolato e con un contratto fino al 30 che verrà probabilmente rinnovato. 

AGGIORNAMENTO ORE 16.00 Nelle prossime ore, al massimo giovedì, è previsto l'incontro decisivo per la conferma di Daniel Adejo

Tra i pali, nessun problema per la conferma di Benussi, mentre Pelizzoli avrebbe chiesto di poter rimanere a Vicenza. Più delicata la situazione di Vigorito, in fase di recupero dall'infortunio, che ha un contratto fino al 2017 ma la cui destinazione potrebbe essere lontana da Vicenza. Incerte anche le sorti di Dell'Amico, che potrebbe voler fare maggiore esperienza, quindi altrove. 

In difesa, in attesa della firma di Adejo, è praticamente certa la presenza di capitan Brighenti, con Laverone e Pinato, mentre sarà Lerda a decidere sul rinnovo di El Hasni. Valigie praticamente pronte per i due terzini, Sampirisi e D'Elia, reduci da un campionato rispettivamente ottimo e buono e che sicuramente saranno sul mercato. Ligi tornerà a Bari mentre Bianchi, probabilmente, andrà a fare esperienza altrove. Complicata la situazione di Manfredini, che ha uno degli ingaggi più alti della rosa e condizioni fisiche critiche. Ha un contratto fino al 2017. 

Il centrocampo di Lerda avrà un volto completamente nuovo. Confermato Urso, per Moretti molto probabilmente non verrà esercitato il diritto di riscatto, Modic tornerà al Milan e Sbrissa al Sassuolo, che potrebbe destinarlo altrove. Il mister dovrà decidere su Piccinocchi, che poterbbe avere richieste, mentre Bellomo (infortunato) resterà, almeno fino a gennaio. Anche Signori, nonostante l'espressa volontà di rimanere a Vicenza, potrebbe avere la valigia in mano: l'ingaggio è considerato oneroso e il giocatore interessa a diverse squadre. 

Giacomelli è l'unico punto fermo del reparto offensivo. Difficilmente Ebagua trovarà un accordo economico con la società, così come Galano, mentre Raicevic, sotto contratto fino al 2018, avrà un buon mercato, nonostante un girone di ritorno deludente. Lerda proverà a trattenere Vita, a fine prestito dal Sassuolo, mentre troneranno alla Lucchese Maritato e Cisotti allo Spezia. Pozzi non rientra nei piani della società ma è legato al Vicenza con un contratto molto oneroso  fino al 2017 e sembra che non sarà facile farlo partire. 

NUOVI ARRIVI Oltre ai giovani selezionati dalle categorie minori, piace la punta centrale dell'Akragas Matteo Di Piazza, 28 anni, 14 gol in questa stagione e qualche esperienza in B con la Pro Vercelli. Senza conferma le voci che vorrebbero Luca Garritano, Cesena, vicino al Vicenza. 
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Mistero su Tetiana, ritrovata senza memoria: era scomparsa dopo la lite col compagno

  • Incidenti stradali

    Frontale tra due auto: traffico in tilt

  • Attualità

    "Fridays For Future": la marcia per il clima blocca Vicenza

  • Incidenti stradali

    Incidente in Autostrada: chilometri di coda

I più letti della settimana

  • Auto piomba nella pasticceria, tragedia sfiorata

  • Malore fatale alla guida: muore un 50enne

  • Adottato da una coppia vicentina il neonato abbandonato a Rosolina

  • Maltempo: cantine e strade allagate nel Vicentino

  • Dramma della disperazione: perde il lavoro e si getta nelle vasche dei fanghi

  • Nuova tragedia sul "ponte dei suicidi"

Torna su
VicenzaToday è in caricamento