Lr Vicenza: Piu e Iocolano, ma soprattutto Tait

Ultimi "movimenti" in casa biancorossa in vista del prossimo campionato. Il punto di Alberto Belloni

Fabian Tait (foto: Pagina ufficiale Facebook Sudtirol Fc)

E’ di questi giorni una notizia apparsa sulla stampa e relativa all’interesse del Vicenza per l’attaccante Alessandro Piu.

Il giovane, di scuola empolese ma l’anno scorso in forza alla Pistoiese, è una prima punta di peso e, se la notizia fosse confermata, conferma che Giuseppe Magalini non considera chiusa la partita relativa all’attacco biancorosso. Va detto, però, che in questo momento il Lane ha più urgenza di vendere che di comprare e ci riferiamo soprattutto alle posizioni di Arma e di Curcio. In entrambi i casi solo la loro partenza aprirebbe spazio ai nuovi innesti (Piu o chi per lui al posto del bomber marocchino, Iocolano, Sansone o chi per loro al posto dell’ex Arzachena).

Diverso è il discorso per il fronte destro del centrocampo, che, al di là delle sopracitate operazioni, appare in questo momento un po’ sguarnito. Per dare densità al settore servirebbe comunque un innesto importante e il nome del bolzanino Fabian Tait sembra incarnare perfettamente il tipo di giocatore necessario, cioè un tornante dinamico in grado di supportare l’azione d’attacco ma nel contempo capace di ripiegare a copertura del terzino in caso di pressione avversaria. Il Sudtirol chiede un pacco di soldi per liberarlo ma sarebbe un investimento valido per il futuro, anche per l’età (26 anni) del giocatore.

Tornando a Piu, un nome non molto conosciuto dal grande pubblico, segnaliamo ai nostri lettori che di tratta di un elemento di cui si è parlato molto bene negli anni scorsi ma che al momento è un talento ancora inespresso. Ventitre anni, è un centravanti puro che all’occorrenza può svariare anche sulla parte mancina. Dalla sua ha le esperienze in serie A (10) e B (36), l’inserimento in tutte le Nazionali giovanili (Under 17,18,19,20, 21), la conoscenza diretta di Di Carlo dai tempi dello Spezia e la garanzia di un vivaio, quello dell’Empoli, che produce tradizionalmente gioielli.

Contro di lui parlano invece lo scarso utilizzo (47 presenze totali nelle tre serie maggiori) e i pochi gol segnati (solo 5 ufficiali negli ultimi 4 anni). Potrebbe essere quindi una scommessa per il prossimo campionato, scaldando il motore ai box dietro ai più titolati Marotta e Guerra. Per il momento resta tutto a lvello di ipotesi, in quanto non sono stati annunciati interessamenti seri né per Arma, né per Curcio. Ma c’è tutto agosto perché il DS affili le armi, sia in uscita che in entrata.

Potrebbe interessarti

  • Spiedo, grigliata: che bontà. Scopri le migliori del vicentino

  • Forno a microonde: i vantaggi e rischi per la salute

  • Il parco è in condizioni pietose: «chiuso per degrado»

  • I sintomi, la diagnosi, la terapia per riconoscere e affrontare l’intolleranza al lattosio

I più letti della settimana

  • Superenalotto, jackpot sfiorato: tripletta di cinque

  • Truffa della "compagnia telefonica": entrano nel telefonino e le svuotano il conto corrente

  • Zecca, Medusa, Zanzara, Cimice, Vespa, Calabrone, Vipera: cosa fare in caso di puntura

  • Dove sono gli autovelox? Te lo dice l'app del cellulare

  • Intervento miracoloso al San Bortolo: bimba di un anno salvata in extemis 

  • Devastante rogo in un'azienda agricola: danni ingenti

Torna su
VicenzaToday è in caricamento