Andare in vacanza gratis a novembre è possibile: scopri come e dove

Sono giornate uggiose e una vacanza è un sogno. Ora può diventare realtà con la settimana del Baratto. Puoi andare dove vuoi, nelle città d'arte, in montagna, al mare, in Italia, all'estero, senza spendere un euro, ci sono 800 B&B che ti aspettano

«Scambio due notti di soggiorno con un concerto jazz nella mia struttura», «Offro due pernottamenti per una consolle vintage» e «Alloggio e prima colazione in cambio di sedie in stile arte povera» sono solo alcune delle tante proposte di baratto formulate dai gestori dei B&B italiani affiliati al portale www.Bed-and-Breakfast.it, e pubblicate su www.SettimanadelBaratto.it. Dal 18 al 24 novembre gli ospiti vengono accolti gratuitamente a fronte di prestazioni di vario genere o cessione di un proprio bene, come avviene ormai da ben 11 anni ogni terza settimana di novembre.

Gli amanti dei viaggi hanno la singolare opportunità di scoprire angoli d’Italia sconosciuti e suggestivi soggiornando in uno degli 800 bed and breakfast che aderiscono all’iniziativa, senza mettere mano al portafoglio: è sufficiente cimentarsi in attività manuali, didattiche e creative, i proprietari dei B&B aprono le loro porte ai viaggiatori che vogliono soggiornarvi non in cambio di denaro, bensì di prodotti o servizi. 

Come funziona?

Il sito dedicato all’evento raccoglie i B&B che partecipano, come un comune sito di ricerca alloggi, ma al posto dei prezzi mostra i Desideri dei B&B – suddivisi per regione e per tipologia di servizi e prodotti richiesti: è cioè il luogo d’incontro tra i gestori e gli ospiti ed è qui che si pianifica lo scambio.

Molti bed and breakfast sono aperti a baratti di ogni genere: una volta selezionati i filtri di ricerca geografica, basta selezionare la struttura d’interesse e cliccare sul tasto Contatta e Baratta per proporre, per esempio, un fumetto da collezione o una lezione di tango, avviare la trattativa con il B&B e, concluso l’accordo, preparare le valigie.

Ad esempio, se un aspirante viaggiatore vuole partecipare alla raccolta delle olive e vuole scegliere tra i B&B che richiedono aiuto: basterà cliccare su “Raccolta Olive”, e troverà una lista di B&B pronti ad accoglierlo in cambio del suo tempo nell’uliveto di famiglia.

Stessa cosa potranno fare giornalisti, travel blogger, esperti di marketing, fotografi o collezionisti d’arte che vorranno mettere a disposizione le proprie competenze a chi le ricerca.

La Settimana del Baratto va oltre i confini nazionali con la Barter Week (www.BarterWeek.com), spin-off internazionale che coinvolge i bed and breakfast di ben 64 paesi del Mondo, dall’Albania all’Uganda.

La pratica dello scambio associata al piacere del viaggio e di alloggio in strutture familiari, tutte presenti sul sito www.settimanadelbaratto.it è ormai assodata e di successo. In questo luogo virtuale domanda e offerta si incrociano, si contratta e infine ci si accorda: questo è cioè il punto d’incontro tra i viaggiatori e i gestori dei bed and breakfast. I primi si propongono per attività manuali, creative e didattiche, oppure offrono beni propri, in cambio di un pernottamento, mentre i secondi pubblicano i loro desideri, mettendo a disposizione gratuitamente la propria ospitalità.

Anche nella nostra regione sono varie le strutture ricettive che aderiscono all’iniziativa: basta verificarlo su https://www.settimanadelbaratto.it/it/baratto/veneto e poi confrontare le disponibilità e la “lista dei desideri” con quello che vorremmo noi. Davvero stimolante e divertente, senza spendere un euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcola il costo del bollo auto 2020: importi e cosa si rischia a non pagarlo

  • Il piccolo Davide non ce l'ha fatta: è morto 5 giorni dopo l'incidente

  • L'abete di papa Francesco, «risparmiato da Vaia, stroncato dalla mano dell'uomo»

  • Le Sardine invadono piazza Matteotti

  • Frontale tra auto: grave un bimbo di soli due anni, feriti anche i genitori

  • Mancano un milione di laureati: ecco le professioni più richieste

Torna su
VicenzaToday è in caricamento