Movimento Italia Sociale Vicenza in presidio al parcheggio del San Bortolo

"Variati e Rotondi diano continuità al blitz della Polizia Locale e risolvano definitivamente il problema"

Domenica come dichiarato nei giorni scorsi, una ventina di aderenti al Movimento Italia Sociale Vicenza si sono ritrovati presso il parcheggio dell’ospedale cittadino per un presidio pacifico durato un paio d’ore. Il messaggio, decisamente polemico, lanciato ad amministrazione ed istituzioni cittadine, è stato sintetizzato in uno striscione che recitava “Blitz di Polizia Locale solo in campagna elettorale”.

“Dopo il blitz della Polizia Locale al San Bortolo contro i parcheggiatori abusivi – spiegano i responsabili del Movimento politico di destra in un comunicato – avvenuto il 15 settembre scorso, il presidio dei militanti del M.I.S. ha voluto ribadire che l’insoddisfazione dei vicentini verso le politiche dell’attuale amministrazione contro il degrado rimane elevata. Le azioni portate avanti con poca determinazione e in modo estemporaneo, spesso puramente di facciata e fuori tempo massimo, si sono rivelate ampiamente inadeguate a contrastare degrado ed illegalità dilaganti in città. Speriamo vivamente che, almeno per i mesi a venire, il Sindaco e l’assessore alla sicurezza, anche sulla spinta delle crescenti e giustificate manifestazioni di malumore dei cittadini, abbiano un sussulto di dignità e si impegnino concretamente per rimediare almeno ad alcune situazioni fuori controllo. Le condizioni del parcheggio del San Bortolo, da anni terreno d’azione per parcheggiatori abusivi e molestatori d’ogni genere, ci stanno particolarmente a cuore, perché riteniamo totalmente inaccettabile che le persone, spesso in condizioni di fragilità fisica e psicologica, che si recano al San Bortolo, siano costrette a subire angherie da parte di individui che vi agiscono sostanzialmente indisturbati ed impuniti. Se il recente blitz della Polizia Locale può essere considerato un episodio positivo, senza continuità nell’azione di controllo e repressione il rischio che tutto torni presto come prima è elevato. Lo abbiamo già visto.”

La nota si conclude con un impegno da parte del M.I.S. “Al riapparire di parcheggiatori abusivi e molestatori, siamo pronti a mettere nuovamente in campo i nostri militanti per una azione decisa. Le persone che si recano all’ospedale devono essere lasciate in pace.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, caso sospetto nel Vicentino: potrebbe essere il "paziente zero"

  • Coronavirus: sei tamponi nel Vicentino, San Bortolo sommerso dalle telefonate

  • Coronavirus, tre casi lievi in provincia

  • COVID-19, tutti negativi i tamponi nel Vicentino: 32 i contagiati in Veneto. Sesto morto in Italia

  • Coronavirus, tre contagi nel Vicentino: infettati in isolamento fiduciario

  • Coronavirus, allerta in provincia: scuole chiuse e manifestazioni annullate

Torna su
VicenzaToday è in caricamento