Stop allo stigma sul disagio e sui disturbi mentali

Il Centro Arcobaleno, con il CSV di Vicenza (Centro Servizi Volontariato), in co-progettazione con l’associazione A.I.T.Sa.M. Onlus (Associazione Italiana Tutela Salute Mentale), ha proposto un progetto di formazione alla salute mentale da fare insieme all'istituto G.Galilei di Arzignano. Ne è nato un murales

Il Centro Arcobaleno è dal 1995 uno dei servizi di riabilitazione psichiatrica del Dipartimento di Salute Mentale dell'Ulss8 Berica. Nasce come un piccolo centro, che con gli anni è cresciuto ed ha contribuito a chiarire le idee sulla salute mentale.

Il Centro offre ambienti di riabilitazione sociale, personale e lavorativo per persone che sono state colpite da disagio psichico, garantendo continuità assistenziale e riabilitativa ai propri utenti. In Italia i disturbi mentali si presentano sempre più frequentemente a tutte le età, e sono spesso associati a difficoltà nelle attività quotidiane, nel lavoro, nei rapporti interpersonali e familiari, molte volte alimentano forme di indifferenza, di emarginazione e di esclusione sociale.

Con il CSV di Vicenza (Centro Servizi Volontariato), in co-progettazione con l’associazione A.I.T.Sa.M. Onlus (Associazione Italiana Tutela Salute Mentale) che collabora con il Centro Arcobaleno, si è proposto un progetto di formazione alla salute mentale da fare insieme all'istituto G.Galilei di Arzignano che è stato lieto di aderire.

"È la prima volta che gli studenti collaborano con noi facendo incontri extracurriculari" spiega la psicologa del Centro Arcobaleno, e continua "l'unica scuola coinvolta, per il momento, per un progetto di stretta collaborazione fra studenti e utenti nella realizzazione di un murales, è il Galilei. Inizialmente sono stati fatti degli incontri formativi a scuola, poi uno negli spazi del Centro Arcobaleno e, infine, gli studenti interessati si sono aggiunti al progetto di volontariato."

Questa iniziativa si concluderà, appunto, con la realizzazione di un murales all'interno della scuola, il cui tema sarà la creatività. Lo scopo di tutto questo è sensibilizzare sulla tematica della salute mentale e denunciare i pregiudizi che ci sono a riguardo.

Perché un murales?

L'arte è una forma eccezionale di espressione e, quindi, anche di riabilitazione. È anche un'occasione di grande unità e socializzazione del gruppo, che si pone un obiettivo creativo importante e lo vede nascere e crescere grazie alla collaborazione di tutti. Perché è stata coinvolta una scuola? Perché è interessante notare come l'arte del murales, rispetto a un disegno classico, attiri molto di più i giovani, che hanno un linguaggio proprio e un loro modo per trasmettere i propri pensieri divertendosi.

L'inaugurazione del murales si terrà presso l'istituto G. Galilei di Arzignano il giorno 12 aprile 2019 alle ore 10.45.

Potrebbe interessarti

  • Il dolce sollievo dell'estate: scopri le 4 top gelaterie di Vicenza

  • Drunken Duck, post shock: "Accuse pesanti"

  • Drunken Duck: ecco l'accusa

  • I colori più alla moda dell'estate del 2019

I più letti della settimana

  • Schianto auto-moto: centauro gravissimo

  • Il dolce sollievo dell'estate: scopri le 4 top gelaterie di Vicenza

  • Rapina finita nel sangue: l'accusa è di omicidio volontario

  • Batte la testa contro il palo della porta: gravissimo, in Rianimazione

  • Incidente tra Tir in A4, un ferito incastrato nel camion: chilometri di coda

  • «Zonin sapeva tutto: io, rovinato negli affari e negli affetti»

Torna su
VicenzaToday è in caricamento