Le Filastrocche della tradizione vicentina per tornare bambini

Chi si ricorda delle Campane di Mason, di Manina Bea, della Marianna, del Tonon, di Ambarabà, di Me Compare Giacometo. Ecco le fiabe che raccontavano le nonne davanti al camino, quando si faceva filò

Filastrocche per dormire, per la pappa e il bagnetto, per bambini e per chi vuole ricordare l'infanzia.

I piccoli adorando ascoltare, e anche imparare, filastrocche  e canzoncine. Amano il rituale, la ripetizione, la musicalità delle parole in rima. Poco importa il significato: la filastrocca è andare in un altrove di gioco e fantasia.

L’importanza delle filastrocche per bambini

  • le filastrocche in rima insegnano: suoni, parole, ritmo e musicalità della lingua;
  • ripetendo i bimbi imparano a parlare con voci diverse, non “quotidiane”. Un giorno sapranno leggere in modo animato;
  • le rime abituano a immaginare – prima di sentirla per intero – la parola con cui terminerà la frase;
  • filastrocche e canzoncine costruiscono delle immagini mentali, il che serve a espandere l'immaginazione;
  • canticchiare le storielle crea un momento di intimità e rinsalda il legame affettivo.

Ecco le più belle della tradizione vicentina

Manìna bèa

Fata a penèa, dove sito stà? Da ‘a nona. Cossa gheto magnà? Pan e late. Gate gate gate
Bati bati le manìne, che arìverà ‘l papà, el porterà i momòni e (nome del bambino) ‘i magnarà.
dal popa', cosa te galo dà: pan e late gate gate gate
Deo deolin, campo marin, persego seco, corno de beco.. ciocciobeeee
Deo deolin, questo va per vin, questo va per acqua, questo fa la fugassa e questo la magna tuta. Gate gate gate

Questa la dicevano le mamme accarezzando la mano per poi fare il solletico sul palmo.

Salto biralto me rompo el naso me rompo el viso... Salto xo dal paradisooooo

La bella lavandaia

Lava i fazzoletti per poveretti della città fai un salto faghene un'altro fa la riverenza fa la penitenza guarda in su guarda in giù dagli un bacio a chi vuoi tu

Ghe zera una volta Piero, se volta casca un figo Piero ze vivo, casca una rosa Piero se sposa, casca una soca Piero se Copa.

La Marianna 

La vá in campagna la fá el caffè con la cioccolata, la Marianna xè innamorata,innamorata del dottor, la Marianna la fá l'amor, la fa l amor con il presidente, la Marianna gá male el dente, male el dente il maselaro, la Marianna la gá el gataro, el gataro masa forte, la Marianna la và alla morte. 

Il fuocherello

Com'è gaio com'è bello nel camino il fuocherello, rosso giallo a lingue a sprazzi, tutto fiamma tutto razzi. Par che dica: su piccino vieni vieni qui vicino. No no no, che tu bruci ben lo so. Perciò caro fuocherello che scoppietti allegro e bello, ti saluto con la mano, ma da te sto ben lontano!

Volta la carta

Un limon massa fato, volta la carta ghe xè un mato, un mato da ligare volta la carta ghè xè un mare, un mare e na marina, volta la carta ghè xè nà gaina, la gaina fa cocodè, volta la carta ghè xè un re, un re e un rearo, volta la carta ghè xè un peraro, un peraro fa tanti peri, volta la carta ghè xè du sbiri, du sbiri che trà de cao, volta la carta ghè xè un pao, un pao dal beco rosso, volta la carta ghè xè un posso, un posso pien de acqua, volta la carta ghè xè na gatta, na gatta con i gatei, volta la carta ghè xè do putei, i do putei va in ostaria volta la carta la xè finia.

La storia dell'ucarea la xe corta ma bea con el cappeetto in cro', vuto che te la conta si o no? Non bisogna mai dir de no parchè la storia de l'ucarea la xe curta ma bea con el cappeetto in cro', vuto che te la conta si o no ? Si! Bisogna mai dir de si parche' la storia... e avanti così finchè i bimbi non prendono sonno.

I gnocchi

Questa che impastava i gnocchi ne ha mangiati tanti e fa indigestione, arriva il dottore nonore popore dea mostaciore per farla visitar presto ciamare el prete nonete popete dea mostacete e farla confesar, alla fine gli scoppia la pancia e gli viene fuori tutti i gnocchi e suo marito li mangia e la canzone finisce così ze sta un bel maschietto nineto pipeto dea mostaceto

Ze anda'impastare I gnochi nonoti popoti dea mostacioti ze anda'impastare I gnochi sul campo del moin li ga fraca massa duri nunuri pupuri dea mustaciuri li fraca massa duri che nessuni poe magnar ne ga magna sette piati nonoti popoti..la bela che 'mpasta i gnochi... vien casa so marìo patio, sbasio, col muso da pio...

Ambarabà Ciccì Coccò

Ambarabà Ciccì Cocò
tre civette sul comò
che facevano l’amore
con la figlia del dottore.

Il dottore si ammalò
Ambarabà Ciccì Coccò

Le campane 

Din don campanòn
le campane del Masòn
le sonava dì e note
le bateva zò le porte
Ma le porte xera de fero
volta la carta ghe xe un capèlo
un capèlo pien de piova
volta la carta ghe xe ‘na rosa
na rosa che sà de bòn
volta la carta ghe xe un limon
un limon massa fato
volta la carta ghe xe un màto
un mato da ligàre
volta la carta ghe xe un mare
un mare una marina
volta la carta ghe xe ‘na galina
na galina che fà cocodé
volta la carta ghe xe un re
un rea, un rearo
volta la carta ghe xe un peràro
un peràro che fa i piri
volta la carta ghe xe dù sbiri
du sbiri che trà de cao
volta la carta ghe xe un pao
un pao col colo rosso
volta la carta ghe xe un pòsso
un posso pien de acqua
volta la carta ghe xe una gata
una gata con du gatèi
volta la carta ghe xe tri putei
tre putèi va al’osteria
volta la carta, la xe finìa.

Scioglilingua
sì, la dise,
so, la dise,
che, la dise
lu, la dise,
xe, la dise,
là, la dise,
ma, la dise,
lu, la dise,
non, la dise,
sa, la dise,
che, la dise,
mi, la dise,
son, la dise
qua, la dise
Va detta velocemente, si fa a gara a chi riesce a finire senza che la lingua inciampi.

Me compare Giacometo

El gaveva un bel galeto,
quando canta verse el becco
el fa proprio innamorar.
E quando El canta, canta canta
El verse el becco, becco, becco
el fa proprio, proprio, proprio
innamorar. (2 volte)
Ma un bel giorno la parona
par far festa agli invitati
la ghe tira e colo al galo
La lo mette a cusinar.
E la ghe tira, tira, tira
El colo al galo, galo, galo
e la lo mette, mette, mette
a cusinar.
Le galine tutte matte
per la perdita del galo
Le rabalta anca El punaro
par la rabbia che le ga.
E le rabalta, alta , alta
Anca El punaro, aro, aro
Da la rabbia, rabbia, rabbia
che le ga.

Da cantare 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Allerta meteo, occhi puntati sul Bacchiglione: piena prevista per mezzanotte

  • Contributi fino a 1000 euro per trasformare l'auto in Gpl o metano

  • Fatture false con una società "cartiera": sequestrati 680mila euro a una SpA

  • Allerta meteo, forte vento e nevicate in quota: Bacchiglione "osservato speciale"

  • Terribile incidente sul lavoro: operaio subisce l'amputazione di un piede

  • Pedone investito post tamponamento tra auto: strada chiusa, pesanti disagi sul traffico

Torna su
VicenzaToday è in caricamento