Vicepresidenza Parlamento Europeo, batosta per i sovranisti. Bizzotto: «Schiaffo vergognoso»

La eurodeputa leghista, candidata allo scranno, ha perso con più di 100 voti di differenza contro il pentastellato Fabio Massimo Castaldo. Una sconfitta bruciante: «Un vero e proprio scandalo», ha dichiarato la Bizzotto infuriata

Foto pagina FB Mara Bizzotto

In effetti uno schiaffo c'è stato, quello dei 5 stelle al gruppo dei conservatori e dei sovranisti. Nella giornata di mercoledì Fabio Massimo Castaldo è stato rieletto vicepresidente del Parlamento europeo senza un gruppo politico alle spalle (siede tra i non iscritti ma per regolamento un gruppetto di almeno 38 deputati può proporre un candidato). Un gruppo - e forte - c'è l'ha invece la eurodeputata vicentina Mara Bizzotto, candidata pure lei alle vicepresidenza e “trombata eccellente”.

Castaldo, vicepresidente uscente,  ha portato a casa inaspettatamente l’ultimo seggio utile per una vicepresidenza al terzo giro di votazioni con 248 voti contro i 130 della leghista, scelta dal suo gruppo sovranista “Identità e democrazia“. Una sconfitta pesante per la destra europea, che va a sommarsi a quella, di poche ore prima, della nomina del dem David Sassoli,  eletto presidente dell'Europarlamento al 2° scrutinio come candidato ufficiale dei socialdemocratici.

Se in quel caso Matteo Salvini si è limitato a storcere il naso, Mara Bizzotto è invece andata su tutte le furie: «Il cordone sanitario messo in piedi contro la Lega di Matteo Salvini per evitare la mia elezione a Vice Presidente del Parlamento europeo, è uno schiaffo alla democrazia e un vergognoso affronto contro 9 milioni di italiani che hanno votato la Lega facendola diventare il primo partito in Italia e in tutta Europa. Oggi ha perso la democrazia, non la Lega di Salvini. Oggi hanno vinto le élite e i burocrati di Bruxelles che hanno voluto cancellare la volontà popolare»., ha dichiarato la leghista, aggiungendo: «Estromettere dai vertici del Parlamento, con i soliti escamotage antidemocratici, chi rappresenta il primo partito in Italia e in Europa per il solo assurdo motivo che siamo leghisti e alleati di Marine Le Pen (primo partito in Francia), è un vero e proprio scandalo che dimostra l’assoluto disprezzo delle nomenclature europee verso il voto del popolo - commenta Bizzotto - Se pensano di fermarci con questi metodi si sbagliano di grosso: più ci danno addosso e più voti prenderemo, più tenteranno di isolarci e più noi combatteremo con forza per cambiare da cima a fondo questa Europa».

E infine rincarando la dose con una promessa: «Oggi l’Europa ha dimostrato in maniera evidente la distanza che esiste tra l’arroganza del potere e la voglia di cambiamento espressa dal popolo - conclude l’eurodeputata leghista Mara Bizzotto - Questi falsi democratici che comandano i palazzi della UE continuino pure a prendersi gioco della volontà popolare: gli italiani non dimenticheranno i colpevoli di questo affronto e molto presto il nostro popolo li spazzerà via».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro, fatale caduta mentre sta operando su un macchinario: muore 59enne

  • Covid-19 alla Laserjet, monta la polemica

  • Tara Gabrieletto e Cristian Gallella si sono separati, l'annuncio sui social dell'ex tronista

  • Bollo auto, chi paga e chi no: tutte le informazioni sulle esenzioni

  • Covid-19, il "caso" Laserjet: "Nessun contatto da settimane con Lino"

  • Muore in circostanze misteriose, la procura dispone l'autopsia

Torna su
VicenzaToday è in caricamento